Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky non è riuscito a convincere la Casa Bianca a imporre una no-fly zone sul suo paese. Ma d’altra parte, ottenne nuovi aiuti militari americani per far fronte all’invasione delle truppe russe.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato mercoledì 16 marzo che gli Stati Uniti avrebbero aiutato “L’Ucraina si doterà di sistemi di difesa aerea aggiuntivi ea lungo raggio”.

Droni leggeri e veloci

Diversi media americani assicurano che tra le armi fornite ci saranno un centinaio di droni Switchblades. Costruiti dalla compagnia americana AeroVironment, gli Switchblade sono droni molto manovrabili. Il tiro può essere innescato da una squadra molto piccola, o anche da un solo uomo. Facili da spostare, non richiedono infrastrutture pesanti, schierabili in pochi minuti, questi dispositivi saranno estremamente difficili da individuare da parte di aerei o satelliti russi.

Vedi anche:  Italia: riconfermando Mattarella alla presidenza, i parlamentari risparmiano la pensione

Vendita di armi: l’Europa aveva considerato la minaccia russa

Gli americani non hanno specificato quali modelli di questo drone potrebbero essere forniti all’esercito ucraino. In realtà ci sono due versioni. Lo Switchblade 300 è appena più grande di un modellino di aeroplano. Lungo circa 50 cm e con un peso di soli 2,5 kg, può colpire le truppe nemiche in un raggio di 10 km, spiega il suo produttore.

Un’arma formidabile contro i carri armati

Lo Switchblade 600 è più alto (poco più di un metro) e soprattutto dieci volte più pesante. Può rimanere in aria per quaranta minuti, percorrere 40 km con una velocità massima di 150 km/h, e la sua carica esplosiva molto più grande lo rende un’arma formidabile contro veicoli corazzati e convogli di rifornimenti, fino a una distanza di 40 chilometri.

Vedi anche:  Attacchi mortali del gruppo dello Stato Islamico in Siria e Iraq

→ DA RILEGGERE. Drone militare si schianta in un parco in Croazia

Questi droni potrebbero completare l’arsenale ucraino. kyiv ha già fatto ampio uso dei droni in suo possesso, in particolare i Bayraktar TB2 di fabbricazione turca. Questi hanno causato molti danni alle colonne russe nei primi giorni del conflitto. L’Ucraina ha anche droni Punisher. Macchine realizzate da un’azienda locale, di piccole dimensioni e anche di facile utilizzo, ma molto meno moderne delle Switchblades.

Articolo precedentela discesa all’inferno dell’oligarca Roman Abramovich
Articolo successivoIl Mali ordina la sospensione delle trasmissioni di RFI e France 24