Un’aggiunta pianificata del 10% ad ogni cassa, a fronte di un abbonamento di € 10 al mese. Questa promessa di una riduzione permanente, valida su tutti i prodotti in negozio – anche quelli scontati – Casino è stata la prima a farlo a giugno 2019. Il gruppo l’ha estesa al suo marchio Monoprix a settembre 2021.

Da gennaio 2022 Carrefour sperimenta a sua volta, a Rouen, un’offerta in abbonamento. Per 6 € al mese, il marchio dà diritto a uno sconto del 15% su 7.000 prodotti giornalieri a marchio Carrefour – esclusi i cibi tradizionali freschi (frutta, verdura, carne, pesce, ecc.). In questo modello, nessuno sconto immediato ma rimborso sul conto corrente bancario del cliente: “Il consumatore vede visivamente l’effetto sul suo potere d’acquisto”, giustifica Solène Wertans, direttore dei progetti strategici di Carrefour.

Vedi anche:  Come la Russia sta cercando di limitare la portata delle sanzioni occidentali

→ RILEGGI. Distribuzione di massa: dopo Casino, Carrefour avvia l’abbonamento per fidelizzare i propri clienti

Pagare per sperare di risparmiare, un business redditizio? In base al prezzo e allo sconto offerto, gli abbonamenti Casinò e Monoprix vengono ammortizzati a partire da 100€ al mese di acquisto in negozio, quello di Carrefour a partire da 40€ mensili spesi sul paniere di riferimento. Oltre a ciò, l’abbonamento genererà risparmi.

Presta attenzione all’impegno

“L’abbonamento è molto facilmente redditizio se accetti di rinunciare alla tua libertà. Implica una forma di rinuncia a svolazzare da un punto vendita all’altro, altrimenti il ​​cliente non ottimizzerà tanto il suo investimento”, analizza Olivier Dauvers, specialista del commercio al dettaglio.

Prima di iscriverti, può essere saggio estrarre la calcolatrice per fare il punto sulle tue spese. Soprattutto perché il gruppo Casino e Carrefour sono noti per essere più costosi dei loro concorrenti. Tuttavia, un cliente già fedele a questi marchi avrà tutto da guadagnare. “Attualmente, in media, restituiamo ai nostri abbonati € 50 al mese”, specifica Cédric Osternaud, Direttore Generale incaricato dell’e-commerce e dell’innovazione del gruppo Casino, che conta 200.000 iscritti.

Vedi anche:  EDF, il lento declino di un fiore all'occhiello industriale

Ultimo punto di vigilanza: l’impegno. Carrefour propone un’offerta senza impegno né tacito rinnovo, da sottoscrivere alla cassa. “Questo permette al cliente di ottimizzare l’abbonamento in base alle proprie esigenze”, sostiene Solène Wertans. Su Casino e Monoprix, essendo il rinnovo tacito, il cliente deve deselezionare l’opzione se non desidera essere abbonato sistematicamente il mese successivo. Può anche impegnarsi per l’anno, il che significa che può beneficiare di una tariffa più vantaggiosa.

Articolo precedenteL’ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder lascia il gigante petrolifero russo Rosneft
Articolo successivoNel Donbass, soldati ucraini tra fatica e determinazione