Una scuola per ragazzi è stata oggetto di un violento attacco martedì 19 aprile a Kabul, in Afghanistan. Tre esplosioni si sono verificate nella scuola Abdul Rahim Shahid, situata nella parte occidentale della capitale.

Le esplosioni sono avvenute quando gli studenti stavano lasciando la classe a metà mattina, ha detto un testimone, che ha chiesto l’anonimato. La polizia ha affermato che queste esplosioni “ha causato vittime tra i nostri fratelli sciiti”portando un bilancio iniziale di sei vittime.

Comunità sciita degli Hazara

Il quartiere in cui si trova questa scuola maschile ospita molti membri della minoranza sciita Hazara, emarginati per secoli e regolarmente perseguitati in questo Paese a maggioranza sunnita.

Vedi anche:  Quale scenario in Assemblea: siamo al sicuro da uno scenario belga?

→ TESTIMONIANZA. Roya, 16 anni, afgana: da Kabul ad Allier

Negli ultimi anni e mesi questo quartiere è stato bersaglio di diversi attacchi rivendicati dallo Stato Islamico-Khorasan (IS-K), il ramo regionale del gruppo terroristico, che considera gli Hazara degli eretici.

Da quando i talebani hanno preso il potere lo scorso agosto e il ritiro delle truppe americane, la sicurezza in Afghanistan è migliorata. Tuttavia, gli attacchi, rivendicati principalmente da EI-K, si verificano ancora regolarmente nel Paese.

Articolo precedenteLa Russia attacca nel Donbass, Putin decora le truppe di Boutcha
Articolo successivoCorno d’Africa, una siccità straordinaria