L’autoproclamata Repubblica del Nagorno-Karabakh è un’enclave a maggioranza armena situata nella Repubblica dell’Azerbaigian. Dagli anni ’20 e dal suo attaccamento dell’Unione Sovietica all’Azerbaigian, questo territorio è stato al centro di un conflitto persistente tra Yerevan e Baku.

► Il 4 luglio 1921, l’URSS annette il Nagorno-Karabakh all’Azerbaigian

L’URSS prese il controllo dell’Azerbaigian nell’aprile 1920, poi dell’Armenia a novembre. Il Nagorno-Karabakh fu annesso all’Azerbaigian il 4 luglio 1921, sebbene il territorio fosse a quel tempo popolato dal 94% di armeni, secondo il lavoro della storica Anahide Ter Minassian, 1918-1920: La Repubblica d’Armenia.

→ RILEGGI. L’Armenia annuncia la tregua con l’Azerbaigian

Dal 1923, il Nagorno-Karabakh divenne un’oblast (regione) autonoma. Tuttavia, rimane parte dell’Azerbaigian sovietico. Secondo lo storico Michel Marian, intervistato dal sito Historia, queste decisioni sono legate a calcoli politici di Joseph Stalin, che voleva particolarmente avvicinarsi alla Turchia, vicina agli azeri.

► Il 20 febbraio 1988, il Nagorno-Karabakh ruppe con l’Azerbaigian sovietico

Il Nagorno-Karabakh approfittò della perestrojka, un periodo di apertura politica in URSS, per proclamarsi Repubblica socialista sovietica nel febbraio 1988. Non si trattava di una completa indipendenza, poiché la regione aveva accettato di rimanere sotto l’ovile di Mosca, ma di un tentativo per tagliare i legami con l’Azerbaigian.

Baku chiede qualche mese dopo, a giugno, il ritorno del Nagorno-Karabakh nel suo territorio. Nel Paese scoppia la violenza. Il pogrom anti-armeno di Sumgaït ha provocato in particolare 32 vittime civili, secondo i dati forniti dalle autorità sovietiche e oltre 200 secondo fonti armene.

Vedi anche:  In Germania, un ministro dell'agricoltura ecologico e vegetariano

► Il 26 novembre 1991 scoppiò la prima guerra

Nel novembre 1991, quando l’Armenia e l’Azerbaigian ottennero la loro indipendenza dall’URSS, il Parlamento di Baku abolì lo status di autonomia dell’oblast del Nagorno-Karabakh. La maggior parte della popolazione armena della regione dichiara la propria indipendenza tramite referendum come Repubblica del Nagorno-Karabakh.

→ PODCAST. “Guerra in Nagorno-Karabakh, il racconto di una foto simbolica”

Combattimenti su larga scala hanno avuto luogo tra l’Armenia e l’Azerbaigian dalla fine dell’inverno 1992. Quando la guerra finì nel 1994, Yerevan controllava gran parte dell’enclave del Nagorno-Karabakh e solo sette distretti a maggioranza azera al di fuori del territorio storicamente armeno, ovvero il 9% del territorio totale dell’Azerbaigian. Il cessate il fuoco, orchestrato dai russi, interviene nel maggio 1994.

Il periodo successivo, tra il 1994 e il 2020, è stato caratterizzato da numerosi scontri tra i due Paesi. Il Nagorno-Karabakh mantiene la finzione della sua indipendenza ma in realtà beneficia del costante sostegno della Repubblica di Armenia. Nell’aprile 2016, i combattimenti con l’Azerbaigian hanno causato 350 morti, secondo il Dipartimento di Stato americano, senza spostare le linee.

Vedi anche:  l'esplosione della moschea uccide almeno 33 persone

► Il 27 settembre 2020 l’Azerbaigian contrattacca

Nel settembre 2020, dopo diversi mesi di tensione, l’Azerbaigian ha lanciato diversi importanti assalti di terra contro il Nagorno-Karabakh. Grazie al supporto della Turchia, Baku prende rapidamente il sopravvento.

Il 9 novembre 2020 il primo ministro armeno Nikol Pashinian accetta di firmare l’accordo per la fine delle ostilità sotto l’egida della Russia. L’Azerbaigian mantiene i territori conquistati (compresa parte del Nagorno-Karabakh) e recupera tutti i sette distretti a maggioranza azera controllati dall’Armenia dal 1994. Yerevan conserva il diritto di accesso al Nagorno-Karabakh a livello del corridoio di Lachin.

► Dal 10 novembre 2020 una situazione tesa

Un conflitto di confine è ancora in corso dalla firma degli accordi del 10 novembre 2020. Il 12 maggio 2021 i soldati azeri si sono schierati in Armenia, sequestrando 41 chilometri quadrati del territorio di Yerevan. A luglio si sono verificati scontri che hanno ucciso decine di persone.

Poiché la guerra in Ucraina pone serie minacce alla sicurezza della regione, l’8 marzo l’Armenia ha accusato l’Azerbaigian di aver interrotto la fornitura di gas al Nagorno-Karabakh. Il 24 marzo, le forze di Baku hanno occupato anche il villaggio di Farukh.

Articolo precedenteLe vere ragioni che hanno spinto Sarkozy e la Merkel a rifiutare l’integrazione dell’Ucraina nella Nato
Articolo successivoRilancio del nucleare, dell’eolico offshore, del gas… Il Regno Unito presenta la sua nuova roadmap energetica