► Combattimenti a Severodonetsk

Martedì 7 giugno continuano i combattimenti per l’acquisizione di Severodonetsk, una città chiave nell’Ucraina orientale soggetta a un diluvio di fuoco russo. “I nostri eroi mantengono le loro posizioni a Severodonetsk. Continuano gli intensi combattimenti di strada” Lo ha detto il presidente Volodymyr Zelensky nel suo ultimo discorso video trasmesso lunedì sera.

russi “stanno distruggendo la città… Poiché non sono riusciti a prenderla in uno o due giorni, stanno usando attacchi aerei, artiglieria pesante”, ha testimoniato lunedì sera Oleksandr Striouk, sindaco della città, preoccupato per un’evacuazione di civili effettuata “virtualmente impossibile” da ora in poi.

“I principali sforzi del nemico sono concentrati” nel tentativo di impossessarsi completamente di questo centro industriale e ” bloccare “ Truppe ucraine nella vicina regione di Lysychansk, ha detto l’esercito ucraino. Questo specifica che, sul campo, la situazione sta cambiando “di ora in ora”.

► “Ricatto” sul frumento

L’altra grande battaglia riguarda le risorse di grano della superpotenza del grano Ucraina. Il capo della diplomazia americana, Antony Blinken, lunedì sera ha accusato Mosca di ” ricatto “ la revoca delle sanzioni internazionali bloccando le esportazioni di grano dall’Ucraina.

Vedi anche:  Russia-Germania: "Nord Stream mostra la voglia tedesca di giocarsela da sola in Europa"

Ha anche giudicato “credibile” informazioni che la Russia ” Volare “ tonnellate di cereali “per venderli per il proprio profitto”mentre il blocco navale dei porti ucraini impedisce le esportazioni di grano e fa temere crisi alimentari, in particolare in Africa.

Secondo New York TimesWashington ha avvertito a metà maggio 14 paesi, principalmente in Africa, che stavano trasportando navi mercantili russe “grano ucraino rubato”. Antony Blinken ha fatto riferimento a questo articolo del quotidiano americano, senza però confermare direttamente l’allerta rivolta ai Paesi africani.

► Consegna di armi a lungo raggio

A Mosca, il capo della diplomazia russa, Sergei Lavrov, ha messo in guardia i paesi occidentali dal consegnare armi a lungo raggio a Kiev.“Migliori sono le armi a lungo raggio che consegnerai, più allontaneremo le linee dal nostro territorio” Ucraini, ha avvertito lunedì sera.

Vedi anche:  nuovi colloqui attesi, edificio bombardato a Kiev

Articolo precedenteIn Mali, la giunta si pone due anni prima del ritorno al potere dei civili
Articolo successivoEnda Tamweel sostiene i tunisini attraverso il microcredito