Cibo, alloggi, vestiti… A cinque giorni dall’invasione dell’Ucraina da parte delle truppe russe, i bisogni dei civili ucraini si moltiplicano. L’organizzazione delle Nazioni Unite, che stima che quasi 660.000 persone siano fuggite dall’Ucraina negli ultimi sei giorni, ha lanciato martedì 1 un appello di emergenzaehm Marzo per raccogliere 1,7 miliardi di dollari per fornire gli aiuti umanitari di cui il Paese avrà bisogno.

→ RELAZIONE. In Polonia, lo sfogo di solidarietà con gli ucraini

Gli individui possono anche fornire aiuto ai civili dalla Francia. Ecco alcuni indizi.

► Fornire assistenza finanziaria

È possibile effettuare donazioni ad associazioni umanitarie già presenti in Ucraina, come la Croce Rossa tramite il suo modulo online. Già in loco dal 2014 nel Donbass, l’associazione prevede di ampliare la propria presenza.

→ LIVE – Guerra in Ucraina: segui il 7° giorno del conflitto armato con la Russia

Caritas Catholic Relief Services La Francia, dal canto suo, lancia un appello online per donazioni per aiutare i civili. “Gli sfollati ei rifugiati, ma anche gli ucraini che vi sono rimasti, hanno urgente bisogno di aiuti umanitari”, scrive l’organizzazione umanitaria.L’agenzia delle Nazioni Unite for Refugees ha anche aperto una piattaforma di donazioni per consentire alle persone di inviare denaro, anche su base ad hoc.

Vedi anche:  La Svizzera gioca il suo futuro a Schengen

L’Ambasciata dell’Ucraina, con sede a Parigi (7e comune) sta ricevendo anche assistenza finanziaria. È stato creato un gattino online per consentire il trasferimento di denaro direttamente sul proprio conto. Maggiori dettagli sono forniti sulla loro pagina Facebook.

► Donazioni di beni di prima necessità

Il 25 febbraio l’associazione dei sindaci di Francia ha lanciato un appello alla solidarietà. “È possibile raccogliere beni di prima necessità per il trasporto in Ucraina”spiega sul suo sito, citando tra i bisogni più urgenti coperte, prodotti per l’igiene, tende e cibo…

Punti di raccolta delle donazioni sono stati organizzati in molte città, nei municipi o nelle chiese. A Marsiglia (Bouches-du-Rhône), ad esempio, un servizio è aperto presso il municipio dal lunedì al sabato dalle 9:00 alle 19:00 per fornire i beni di prima necessità. A Parigi si possono fare donazioni private alla Chiesa ortodossa autocefala ucraina, 6 rue de Palestine, nel 19° arrondissement.

Anche l’associazione Aide Médicale Charitative France Ucraina, con sede a Saint-Rémy-lès-Chevreuse (Yvelines), fornisce attrezzature mediche in tutta l’Ucraina. I donatori sono invitati a contattarci tramite l’indirizzo amc@ukr.fr.

Vedi anche:  Conflitto Ucraina-Russia: ciò che l'odio di Vladimir Putin non permette di vedere

► Fornitura di alloggi temporanei

Un’altra possibilità per aiutare gli esuli ucraini è mettere a disposizione tutto o parte dell’alloggio per un periodo limitato. A Lille, ad esempio, Martine Aubry ha annunciato il 27 febbraio la creazione di 250 unità abitative. Il sindaco di PS ha spiegato in particolare che le era stato chiesto spontaneamente dai residenti di Lille che si sono offerti di accogliere i rifugiati ucraini nelle loro case. Da allora, i residenti che desiderano prendere parte a questo processo possono contattarli tramite un indirizzo e-mail appositamente creato: accueilukrainiens@mairie-lille.fr. L’associazione della metropolia di Lille ha anche creato un indirizzo e-mail per coloro che desiderano offrire un alloggio: hebergement@uaportail.fr.

→ RELAZIONE. “Le autorità stavano sistemando”: al confine ucraino, profughi africani vittime di discriminazione

La piattaforma Airbnb ha finalmente annunciato la fornitura di alloggi temporanei gratuiti per 100.000 rifugiati in partenza dall’Ucraina. Questi alloggi, gratuiti e disponibili per un breve periodo, sarebbero finanziati dalla compagnia americana, da donatori di un fondo Airbnb per rifugiati e host. Le persone sono invitate a offrire il loro alloggio sul sito Airbnb.org.

Articolo precedenteLe truppe aviotrasportate russe sono sbarcate a Kharkiv, la seconda città dell’Ucraina
Articolo successivoPiù esploro il mondo, più mi rendo conto che siamo piccoli