Le autorità ucraine continuano a osservare con orrore l’entità dei danni nelle regioni abbandonate dalle forze russe che continuano la loro offensiva nel sud-est del Paese.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato giovedì (7 aprile) che la distruzione di Borodianka, una città a nord-ovest di Kiev, è stata senza dubbio peggiore che a Boutcha, dove le immagini dei cadaveri che sparpagliano per le strade hanno suscitato indignazione nella comunità internazionale per una settimana.

→ RELAZIONE. “Molte vittime di stupro non vogliono parlare”: a Boutcha si contano i morti e si sfamano i sopravvissuti

Una video pubblicato dall’esercito ucraino il 5 aprile mostra un funzionario locale che assiste alla distruzione di Borodianka. In un articolo pubblicato giovedì 7 aprile, il media ucraino NV, trasmettendo le sue osservazioni afferma che la città avrebbe “è stata una delle prime aree ad essere bombardata dal nemico, con la Russia che ha sganciato bombe su case di nove piani”.

Diversi video e foto trasmessi nelle ultime ore sui social network mostrano tutta la distruzione commessa dai bombardamenti in questa città che inizialmente era occupata da 13mila abitanti. Essi infatti mostrano torri residenziali ancora in fiamme, edifici completamente distrutti o anche squadre di soccorso sgombero delle macerie.

Vedi anche:  Manifestazioni in Turchia: "La pressione su Erdogan non verrà dalle strade"

Ventisei corpi estratti, un caso di abuso sessuale confermato

Secondo le autorità locali, finora 26 corpi sono stati estratti dalle macerie di due condomini a Borodyanka. Molte altre persone potrebbero essere ancora lì. SSecondo Georgy Yerko, il leader del consiglio locale, “gli occupanti russi hanno sparato su persone che stavano cercando di portare gli abitanti fuori dalle macerie (…) I residenti seduti negli scantinati sono stati sepolti vivi”.

→ RILEGGI. Guerra in Ucraina, giorno 44: nuova salva di sanzioni contro la Russia, Zelensky annuncia il peggio a Borodyanka

“L’obiettivo era esclusivamente una popolazione civile. Non ci sono installazioni militari qui”, ha denunciato il procuratore generale dell’Ucraina Iryna Venediktova Borodianka. In un post su Facebook, assicura che i russi hanno usato bombe a grappolo e pesanti lanciarazzi multipli. Il pm ha anche affermato che per il momento ” un caso di abuso sessuale era già stato confermato.

Vedi anche:  In Mali le difficili trattative con i jihadisti

Le rovine di Borodyanka e di altre città circostanti sono attualmente sotto inchiesta, afferma la giustizia ucraina “I pubblici ministeri, la polizia, i dipendenti della SBU, gli esperti di 5 regioni, raccolgono tutti una base di prove dei crimini di guerra russi per i tribunali nazionali e internazionali”.

Articolo precedente2021, anno di “record” in Francia
Articolo successivoDichiarazioni fiscali online sospese “almeno per il weekend”