Cosa è successo esattamente il 16 e 17 gennaio 2022 nella regione di Bria, nel nord-est della Repubblica Centrafricana (CAR)? Secondo diverse fonti affidabili, sarebbero mercenari della compagnia russa Wagner e dell’esercito centrafricano (Faca).ha aperto il fuoco contro gli abitanti dei villaggi di Aïgbado e Yanga, a 75 e 143 chilometri da Bria.

Diverse decine di morti

Risultato di questi due attentati: almeno trenta morti, secondo l’Onu. ” Tra 65 e 68 », corregge una fonte militare esperta in materia. ” È molto probabile che nella località fossero presenti ribelli”, scrivi fonti di sicurezza francesi in una nota che La Croce ha potuto consultare, sottolineando che ” è impossibile discriminare formalmente tra civili e combattenti uccisi. Tuttavia, molte testimonianze hanno riferito di esecuzioni sommarie, rapimenti e sparatorie discriminate di civili. “. Secondo i giornalisti dell’agenzia di stampa centrafricana CNC, il bilancio di questi attacchi ammonterebbe addirittura a oltre 70 vittime.

→ INDAGINE. Wagner, mercenari al servizio di Putin

Per fare luce su questi abusi, la missione delle Nazioni Unite nella Repubblica Centrafricana (Minusca) ha aperto un’indagine su questo duplice omicidio. Mais ” l’accesso alla località è stato bloccato da veicoli delle forze lealiste e alle pattuglie delle Nazioni Unite è stato negato il libero accesso alla località (scorta permanente da parte di elementi Wagner) “, Sottolinea la nota.

Disclaimer

Il governo centrafricano nega categoricamente queste informazioni. ” È una campagna implacabile contro la Faca ei nostri alleati. Vogliono presentarli come assassini del popolo centrafricano “, spiega il portavoce della Presidenza della Repubblica, Albert Yaloké Mokpème, accusando i media francesi di essere gli autori di questa manipolazione.

→ LEGGI. Repubblica Centrafricana, mano bassa di Mosca

Alexandre Ivanov, consigliere della presidenza centrafricana e rappresentante in loco degli “istruttori” russi, ha assicurato il 5 febbraio: “ In questo momento si assiste all’attivazione di risorse informative propagandistiche che fanno soldi inventando notizie, diffamando specialisti russi e la Russia (…). Gli istruttori sono accusati di crimini presumibilmente commessi a centinaia di miglia da dove si trovano. Cosa inventeranno dopo? Wagner su Marte? »

Centinaia di abusi in CAR

Chiesto da La Croce sui fatti di Bria, uno stretto collaboratore del segretario generale dell’Onu si è detto in attesa dell’esito delle indagini, precisando però che ” non sarebbe la prima volta che Wagner è coinvolto in abusi in macchina “. Già a metà del 2021 il gruppo di esperti delle Nazioni Unite incaricato della Repubblica Centrafricana aveva denunciato i crimini attribuiti alle forze di sicurezza centrafricane e ai paramilitari russi durante le loro operazioni congiunte. Lo stesso governo centrafricano ha riconosciuto alcuni di questi crimini lo scorso ottobre.

Vedi anche:  Mariupol resiste ancora, fosse comuni a 20 chilometri dalla città

→ EDITORIALE. Wagner, l’esercito che non esisteva

Da dicembre Wagner sostiene le milizie animistiche e cristiane anti-balaka. compiere operazioni e abusi”, sottolinea la nota. Queste milizie, continua, partecipare all’intensificarsi degli abusi nelle province, Wagner sfrutta le divisioni intercomunitarie tra le popolazioni Fulani, Musulmana e Cristiana per agire nella totale impunità e rafforzare la sua base. »

Wagner in difficoltà finanziarie

Come capire una tale esplosione di violenza? ” Wagner è sempre più disperato in CAR “ha risposto un osservatore che ha chiesto l’anonimato. La società non guadagnerebbe abbastanza soldi in questo paese per essere un’attività redditizia agli occhi del suo principale azionista, l’oligarca russo Yevgueni Prigozhin. Anche se ottenesse lo sfruttamento di zone diamantifere nel nord-est del Paese, che avviasse un traffico d’oro tra Bria e il Sudan, secondo questa stessa fonte, la redditività del suo intervento in CAR non sarebbe l’appuntamento.

→ ANALISI. Repubblica Centrafricana: Mosca, l’alleato essenziale

Soprattutto perché la sua supervisione doganale gli è stata ritirata dal primo ministro Henri-Marie Dondra. ” Per pagare, Wagner è costretto ad estendere il suo controllo sulle aree di estrazione dei diamanti situate ad Aïgbado. Il 16 e 17 gennaio è intervenuta violentemente per imporsi in questa nuova area”, assicura l’osservatore.La nota lo conferma “i minatori artigianali vengono regolarmente tassati, depredati e/o giustiziati” di Wagner.

Secondo il sito di notizie CNC, la società russa ha chiesto sei mesi di arretrati al governo centrafricano del primo ministro Henri-Marie Dondra.

La colonna infernale

Considerato troppo poco conciliante con i russi, quest’ultimo è stato destituito dal presidente Touadéra il 7 febbraio e sostituito da Félix Moloua, con un profilo più russo-compatibile. ” La sua partenza è ben legata all’incapacità del governo centrafricano di pagare Wagner dice la nostra fonte militare. Un rimpasto politico che coincide con un’offensiva di mercenari russi nelle zone diamantifere di Haute-Kotto (Nordest) e nelle zone auree di Ouham (Nordovest).

→ SPIEGAZIONE. Mali: l’ombra dei paramilitari russi di Wagner

L’operazione di bonifica è iniziata all’inizio di febbraio seguendo l’asse da Bria a Ouadda e Sam-Ouandja”, affida l’osservatore, prima di stabilire l’elenco funebre dei loro ultimi crimini : il 12 febbraio assassinio di Zakaria Damane (leader del Rally Patriottica per il Rinnovamento della Repubblica Centrafricana) e 5 persone ; 14 febbraioesecuzione di 16 persone in un sito minerariodi Ouadda ; 15 febbraio, 6 uccisi in una nuova miniera;19 febbraio, attacco alla miniera di Boungouziti a 45 km da Ouadda…

Vedi anche:  La Cina confina i 13 milioni di persone di Xi'an

Mancanza di redditività, presto la partenza di Wagner?

Questa colonna infernale il cui modus operandi ricorda quello del 16 e 17 febbraio beneficerebbe della protezione di Bangui. ” Il governo è in una morsa, giudicericercatore Thierry Vircoulon, dell’Istituto francese di relazioni internazionali. Da un lato, le sue casse sono vuote a causa della sospensione, da parte dei suoi principali donatori, tra cui Francia e Unione Europea, dei loro aiuti di bilancio. E dall’altro, viene convocato da Wagner per pagargli i pagamenti che gli deve. »

Questa mancanza di redditività porterà Evgueni Prigojine a ritirare le sue pedine dalla CAR? Soprattutto da quando il suo arrivo in Mali e la crisi in Ucraina hanno mobilitato i suoi uomini. ” Stiamo già assistendo a una diminuzione del personale in CAR a beneficio di queste regioni del mondo”, osserva l’osservatore. ” Wagner non lascerà subito la CARtempera la fonte militare. La Repubblica Centrafricana è un laboratorio dove i russi stanno sperimentando lo strumento Wagner per ristabilirsi in Africa. Mosca persegue obiettivi politici e strategici, anche con fondi perduti. Un nuovo strumento tanto più pericoloso ed efficace in quanto gode della totale impunità nella Repubblica Centrafricana.

————————————————–

Wagner nella Repubblica Centrafricana

• Il numero di mercenari Wagner nella Repubblica Centrafricana non conosciuto. Mosca riconosce ufficialmente solo la presenza di 1.135 “istruttori disarmati”, ma le Ong che operano sul campo, la Francia e l’Onu affermano che alcuni di loro sono uomini di Wagner.

• Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian lo ha accusato il 17 settembre 2021 di ” sostituire ” all’autorità dello Stato e “Confisca capacità fiscale”.

• A causa del controllo esercitato da Wagner sulle forze armate centrafricane (FACA)la missione dell’UE a Bangui ha sospeso la sua missione di addestramento per le forze armate centrafricane dal 15 dicembre 2021.

• La presenza di tale società è segnalata anche in Libia, Sudan e Mali ed è intervenuto in Mozambico. Al di fuori dell’Africa, Wagner è attivo in Siria e Ucraina.

Articolo precedentein Irlanda, regolarizzazione di massa per i migranti privi di documenti
Articolo successivonel sud del Messico, lo scalo senza fine per i migranti haitiani