Appena aperto, già chiuso. La Direzione Generale delle Finanze Pubbliche (DGfip) ha annunciato venerdì 8 aprile la sospensione ” da ora in poi “ accesso al sito online di dichiarazione dei redditi appena aperto. Lo spegnimento durerà “almeno per il fine settimana”precisa Bercy, a seguito di errori di precompilazione delle dichiarazioni, in particolare per gli insegnanti.

→ ANALISI. Presidenziale 2022: Irpef, candidati privi di ispirazione

“Da oggi è momentaneamente sospeso l’accesso alla dichiarazione online, tempo per svolgere gli accertamenti del caso”ha spiegato un portavoce della Dgfip.

Nessun impatto sull’importo dell’imposta

Il “bug” è stato scoperto dopo che i contribuenti hanno riferito che gli importi precompilati erano stati sopravvalutati nella dichiarazione online. Alcune reazioni sui social parlano di importi aumentati del 30% o addirittura del 60%.

Vedi anche:  il governo sta vigilando

La Dgfip ritiene che le differenze riscontrate non incidano sull’importo dell’imposta detratta ma ha preferito sospendere le dichiarazioni telematiche “tempo per effettuare i controlli necessari”. “Se hai convalidato una dichiarazione contenente un errore di precompilazione, sarà possibile correggerla in un secondo momento e tutte le informazioni ti verranno fornite non appena il sito riaprirà”rassicura il Dgfip.

Cambiamenti rispetto al 2021

“Il calendario della campagna appena aperta sarà mantenuto”, ha inoltre precisato i servizi del Ministero dell’Economia. La campagna di dichiarazione dei redditi per il 2021, che si è aperta giovedì 7 aprile, deve concludersi tra il 24 maggio e l’8 giugno, secondo il dipartimento della residenza dei contribuenti. Le famiglie che non possono fare una dichiarazione online e quindi completano ancora una dichiarazione cartacea, hanno tempo fino alla mezzanotte del 19 maggio per rispedirla al fisco.

Vedi anche:  Dopo il Covid, un nuovo dress code in ufficio

Quest’anno sono state apportate alcune novità alla dichiarazione dei redditi. Ciò riguarda in particolare la rivalutazione della scala chilometrica decisa per attutire l’aumento dei prezzi dei carburanti o un’aliquota del credito d’imposta aumentata al 75% per le donazioni ad associazioni religiose.

Articolo precedentecosa sappiamo della situazione nella città di Borodyanka?
Articolo successivoil sistema sanitario è sottoposto a fortissime pressioni