Inventato dal pensatore ecologico Pierre Rabhi, il principio della “felice sobrietà” è regolarmente citato come una delle chiavi per ripensare i nostri stili di vita e limitare il nostro impatto ambientale. Lo stesso papa Francesco ha ripreso questo concetto nella sua enciclica Laudato si’, pubblicato nel 2015 e dedicato a salvare il pianeta. Ci ha poi incoraggiato a uscire dalle nostre abitudini di consumo sfrenato adottando uno stile di vita sobrio.

Ma cosa si intende esattamente per “felice sobrietà”? È davvero possibile accedere alla felicità limitandosi? Non è contraddittorio proporre un conteggio scelto, quando alcune persone non sono in grado di soddisfare i bisogni primari come cibo, vestiti o anche un alloggio decente?

In questo terzo episodio della quinta stagione di “Place des religions”, abbiamo posto queste domande ad esperti di diverse fedi.

Trovate tutti gli episodi della quinta stagione del nostro podcast “Place des religions”

► Gli specialisti hanno incontrato:

• Marianne Durano. Saggista, filosofo, membro della redazione della rivista Limitecoautore, con Gaultier Bès e Axel Nørgaard Rokvam, del libro I nostri limiti. Per un’ecologia integrale.

• Lama Jigme Thrinle. Monaco buddista e cappellano, copresidente incaricato delle relazioni interne all’Unione buddista di Francia (UBF) e specialista in questioni ecologiche in questo stesso organismo.

• Isabelle Priaulet. Dottore in Filosofia, laureato all’Istituto di Scienze e Teologia delle Religioni (ISTR), membro della Cattedra Jean-Bastaire dell’Università Cattolica di Lione (Ucly).

• Cecile Renouard. Religioso dell’Assunta, docente di filosofia, autore di numerose opere sulla responsabilità etica delle imprese. Co-fondatore e presidente del Campus de la transition, un luogo di ricerca, insegnamento e sperimentazione situato a Seine-et-Marne.

► Bibliografia:

• Verso una felice sobrietàdi Pierre Rabhi, Actes Sud, 176 pag., € 15,30

• Pensare ai fondamenti filosofici della conversione ecologicadi Isabelle Priaulet, Lavoro e Fides, 616 pag., € 32

• Manuale della grande transizionesotto la direzione di Cécile Renouard, Rémi Beau, Christophe Goupil e Christian Koenig, I legami che liberano, 448 p., 24,50 €

► “Place des religions”, podcast mensile

Scopri un episodio della quinta stagione di “Place des religions” ogni ultimo mercoledì del mese, dal 25 maggio. Un podcast da ascoltare sul sito e sull’app del giornale La Crocenonché sulle seguenti piattaforme podcast: Apple Podcasts – Podcast Addict – Spotify – Deezer – Google Podcasts – YouTube – Castbox

► Riascolta le stagioni precedenti:

→ Place des religions, stagione 1: Così siano

→ Place des religions, stagione 2: Parole di politica

→ Place des religions, stagione 3: La scelta del rischio

→ Luogo delle religioni, stagione 4: A tavola

—​​​​​​

Caporedattore: Fabienne Lemahieu e Dominique Greiner. Giornalisti: Malo Tresca e Clémence Maret. Regia: Flavien Edenne e Clémence Maret. Direttore di produzione: Célestine Albert-Steward. Musica e missaggio: Théo Boulenger. Responsabile marketing: Laurence Szabason. Visuale: Yasmine Gateau.

Articolo precedente2021, anno record per i freelance
Articolo successivoL’economia statunitense affronta venti contrari