giovedì, Maggio 19, 2022
Home Mondo Figli di jihadisti dalla Siria: le loro famiglie chiedono a Macron di...

Figli di jihadisti dalla Siria: le loro famiglie chiedono a Macron di rimpatriarli

57
0

Mentre Emmanuel Macron si prepara a formare un nuovo governo, mercoledì 27 aprile un gruppo di famiglie e parenti di jihadisti francesi lo ha invitato a rimpatriare i bambini durante il suo secondo mandato. “prigionieri in Siria” e “Priva dell’infanzia nelle carceri a cielo aperto”. Durante il dibattito televisivo tra i due turni, il presidente candidato ha affermato che la protezione dell’infanzia sarebbe stata al centro dei prossimi cinque anni se fosse stato rieletto.

“È giunto il momento di cambiare direzione e di dare a questi bambini, vittime anche di Daesh, la loro possibilità”indica in un comunicato il Collettivo delle Famiglie Unite, associazione che riunisce gran parte delle circa 80 mogli di jihadisti e 200 bambini francesi detenuti nei campi nel nord-est della Siria. “È giunto il momento di garantire loro la protezione che tutti i bambini meritano, di rispettare i nostri impegni internazionali e, in particolare, di rispettare la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, di cui la Francia è firmataria”continua il collettivo.

Condizioni di vita “terribili”.

Questi bambini lo sono “vittime, riconosciute come tali dalle Nazioni Unite, dall’Unicef ​​o dalla Croce Rossa” e vive “senza protezione, senza cure adeguate, senza accesso all’istruzione, senza speranza” nei campi per sfollati sotto il controllo curdo in Siria. Essi sono “Priva dell’infanzia nelle carceri a cielo aperto”, insistono le famiglie. Dal 2016, 126 bambini francesi sono tornati dalla Siria o dall’Iraq, la maggior parte dei quali molto piccoli.

Vedi anche:  Brasile: Human Rights Watch preoccupato per le minacce al processo democratico

LEGGI ANCHE: Rimpatrio di mogli e figli di jihadisti: deve decidere la CEDU

A differenza dei suoi vicini europei, compresa la Germania, che è rimpatriata “gran parte” dei bambini, Parigi mantiene una politica di ritorni alla grande che ha suscitato critiche anche se le condizioni di vita sono “spaventoso”, secondo l’ONU. Il 14 dicembre 2021 una donna francese di 28 anni diabetica è morta nel campo di Roj, ancora nel nord-est della Siria, lasciando orfana una bambina di 6 anni.

Articolo precedenteLa Cina impone la sua influenza militare nel Pacifico
Articolo successivoPolonia e Bulgaria private del gas russo