martedì, Maggio 17, 2022
Home Mondo Formaggi richiamati, giovane morte dopo una sagra, Covid in Cina: le 3...

Formaggi richiamati, giovane morte dopo una sagra, Covid in Cina: le 3 notizie della notte

44
0

Richiamati i formaggi potenzialmente contaminati da Listeria

Martedì è stata lanciata una campagna di richiamo riguardante due tipologie di formaggi a latte crudo provenienti da un caseificio a marchio Graindorge (gruppo Lactalis) e commercializzati dai principali rivenditori, dopo la scoperta di un formaggio contenente il batterio responsabile della listeriosi. , ha affermato il sito governativo Rappel Conso . Si tratta di Coulommier e Bries da 1 kg del marchio Normanville e del marchio Graindorge. Questi formaggi richiamati possono contenere Listeria monocytogenes (agente causale della listeriosi).

I formaggi in questione sono commercializzati in tutta la Francia da metà marzo nei supermercati dei marchi Auchan, Leclerc, Casino, Carrefour, Intermarché, Cora e Système U. destroy. Le persone che hanno consumato i prodotti e hanno la febbre, isolate o accompagnate da mal di testa e dolori muscolari sono invitate a consultare il proprio medico. Le donne in gravidanza, le persone immunocompromesse e gli anziani dovrebbero prestare particolare attenzione a questi sintomi, si specifica.

LEGGI ANCHE:Rinascita del batterio “E.coli”: confermato il legame con le pizze Buitoni

Questa campagna arriva proprio dopo un massiccio richiamo delle pizze surgelate a marchio Buitoni, dopo diversi gravi casi di contaminazione di bambini da parte del batterio Escherichia coli e decessi, forse legati al consumo di questi prodotti. Su questo caso è in corso un’indagine. Due settimane prima di Pasqua, sono state rilevate diverse decine di casi di salmonellosi anche in Europa e i sospetti si rivolgono ai prodotti di cioccolato Kinder realizzati in Belgio e richiamati dal produttore Ferrero.

Morte giovane dopo un festival techno: 10 anni di carcere per furto con violenza

Martedì la Corte d’assise di Seine-Saint-Denis ha condannato a dieci anni di carcere un uomo per aver derubato un giovane all’uscita di un festival techno a Parigi nel 2016 – il cui corpo senza vita era stato poi ripescato dal Canal de l’ Ourcq, ma non ha accettato la responsabilità della morte. Dopo cinque ore di deliberazione, il tribunale ha dichiarato a fine serata Abdallah Miladi, 35 anni, colpevole di furto con violenza ai danni di una persona vulnerabile ma lo ha assolto dall’accusa di violenze con conseguente morte. L’accusa di Bobigny aveva chiesto 18 anni di reclusione penale.

Vedi anche:  Guerra in Ucraina, il punto alle 19: bombardamento di una torre della televisione, Mélenchon sotto i fischi...

Nella notte dal 17 al 18 dicembre 2016, l’ingegnere 23enne è scomparso dopo aver lasciato un festival musicale organizzato in una sala ai margini del Parc de la Villette, nel 19° arrondissement di Parigi. Due mesi dopo, a febbraio, il suo corpo fu ritrovato poco distante, nel territorio del comune di Pantin. In stato di decomposizione, il cadavere viene ripescato fuori dal canale Ourcq, sotto i binari della tangenziale. La stessa notte della sua scomparsa, la carta di credito della vittima è stata inghiottita da un bancomat locale, dopo tre codici errati durante i tentativi di prelievo di 120 euro.

LEGGI ANCHE:Morte di Jérémy Cohen: “non c’è nulla che stabilisca che indossasse la sua yarmulke”

Raccolti dagli inquirenti, un DNA presente sulla tessera li conduce da Abdallah Miladi, un tunisino clandestino noto alla giustizia sotto diversi pseudonimi per molteplici atti di violenza nel quartiere di La Villette – il suo ” terreno di caccia “, secondo il sig. Laurier. Interrogato in mattinata sui fatti, l’imputato, testa rasata e giubbotto trapuntato nero, ha nuovamente smentito i fatti e consegnato una versione confusa di quella notte al Parc de la Villette: “questo ragazzo, non ho niente da fare, non ho spinto” nel canale, sostenne con rabbia. Secondo il suo racconto, traslocando, ha scoperto il giovane privo di sensi in un vicolo buio, si è recato con lui fino a una panchina sul Canal de l’Ourcq poi è andato a prelevare denaro con la carta di credito su richiesta del suo proprietario. Al suo ritorno, il giovane era scomparso.

Vedi anche:  Bamako respinge l'esercito francese

Covid-19: la Cina supera la soglia dei 20.000 casi giornalieri

La Cina ha annunciato mercoledì un record di 20.000 contaminazioni da Covid-19 nelle ultime 24 ore, la maggior parte delle quali a Shanghai, che sta per aprire un gigantesco ospedale da campo da 40.000 posti. Il Paese dove è stato inizialmente rilevato il coronavirus alla fine del 2019 era riuscito fino a marzo 2021 ad arginare in gran parte l’epidemia grazie a misure molto rigide unite sotto il termine Covid zero.

Ma la variante Omicron ha sconfitto questa strategia, con rapporti giornalieri che ora superano i conteggi ufficiali della prima ondata epidemica a Wuhan (centro). Il Paese più popoloso del mondo ha così annunciato mercoledì 20.472 casi positivi nelle ultime 24 ore, una cifra piccola rispetto ai bilanci di molti Paesi ma alta per la Cina, dove i totali giornalieri ancora di poco superavano i 100 a febbraio. La soglia dei 10.000 casi giornalieri è stata superata solo domenica.

LEGGI ANCHE:Covid-19: i pazienti vaccinati e infetti sarebbero i più protetti

Oltre l’80% dei nuovi casi positivi è stato segnalato a Shanghai, la città più grande del paese, che è stata sottoposta a un blocco quasi totale dalla scorsa settimana. La città di 25 milioni di abitanti trasformerà un gigantesco centro espositivo in un ospedale da campo con una capacità di 40.000 posti letto, ha annunciato l’agenzia di stampa China news. Sebbene la stragrande maggioranza dei casi rilevati a Shanghai sia asintomatica, chiunque risulti positivo, compresi i bambini, viene posto in isolamento nei centri previsti a tale scopo.

Articolo precedenteQueste armi cambiano tutto
Articolo successivoverso un rafforzamento delle sanzioni contro la Russia, esplosioni a Lviv