La Corea del Nord ha lanciato un missile balistico mare-terra sabato (7 maggio), ha annunciato il personale dell’esercito sudcoreano. Si tratta della quindicesima dimostrazione di forza quest’anno per il Paese dotato di armi nucleari, che per la prima volta dal 2017 ha lanciato anche un missile balistico intercontinentale.

Questa nuova sparatoria arriva prima dell’ingresso in carica martedì 10 maggio di un nuovo presidente della Corea del Sud, Yoon Suk-yeol. Intende creare un nuovo equilibrio di potere con il Nord, che accentua i timori di un’escalation. Il presidente uscente, Moon Jae-in, ha cercato durante i suoi cinque anni in carica di promuovere un approccio pacifico nei rapporti con il vicino, ma senza ottenere i risultati sperati.

Corea del Nord: “Il fuoco dei missili continuerà”

Al contrario, la Corea del Nord ha continuato a sviluppare il suo arsenale nucleare. Gli Stati Uniti hanno avvertito venerdì che potrebbero condurre imminentemente il loro primo test nucleare dal 2017. Pyongyang “preparando il sito di test di Punggye-ri e potrebbe essere pronto per condurre un test lì già questo mese, che sarebbe il suo settimo test” nucleare, ha detto una portavoce della diplomazia americana, Jalina Porter. “Questa analisi è coerente con le recenti dichiarazioni pubbliche fatte dalla stessa Corea del Nord”..

Il regime di Pyongyang ha effettuato sei test nucleari tra il 2006 e il 2017. Da allora sono stati interrotti, così come il lancio di missili balistici intercontinentali. A fine marzo 2022 questa moratoria era stata interrotta per la prima volta con il test di un missile intercontinentale.

Vedi anche:  Unione Europea: con Le Pen niente "frexit di fatto", ma isolamento annunciato

→ Cos’è un missile balistico intercontinentale?

Le immagini satellitari hanno quindi mostrato segni di nuova attività in un tunnel nel sito di Punggye-ri. Quest’ultimo, secondo i nordcoreani, è stato demolito nel 2018 in vista di uno storico vertice tra Kim Jong Un e l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump. I due si erano incontrati tre volte, a Singapore, Hanoi (Vietnam) e poi nella zona smilitarizzata che separa le due Coree.

Tuttavia, questa fase di dialogo è svanita ei negoziati sulla denuclearizzazione della Corea del Nord sono rimasti fermi.

Joe Biden, alla Casa Bianca da gennaio 2021, si è detto pronto a riprendere questo dialogo per discutere della denuclearizzazione del Paese solitario, ma la sua mano tesa finora è rimasta vuota. Al contrario, la Corea del Nord ha intensificato dall’inizio dell’anno i test sugli armamenti vietati dalle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Finora, l’amministrazione Biden ha piuttosto voltato le spalle a ciò che considera comunque essere “Provocazione”.

L’impennata dei processi in Corea del Nord arriva quando il presidente degli Stati Uniti visiterà la Corea del Sud e il Giappone dal 20 al 24 maggio. Al di là delle relazioni bilaterali, lo scopo del viaggio sarà quello di fare portare avanti il ​​fermo impegno » degli Stati Uniti a favore di una regione Asia-Pacifico “libero e aperto”secondo un comunicato stampa.

Vedi anche:  l'ordine di sicurezza europeo profondamente destabilizzato da Mosca

A Tokyo incontrerà così i leader dei paesi membri del “Quadro”, un’alleanza informale che coinvolge Stati Uniti, Australia, India e Giappone. Il suo obiettivo principale è contrastare l’influenza cinese, essendo Pechino anche il principale supporto della Corea del Nord.

→Leggi Cos’è il “Quad”, questa alleanza destinata a contrastare la Cina nel Pacifico?

Articolo precedenteRischio escalation in Ucraina: queste personalità russe che agitano la minaccia nucleare
Articolo successivoVictor Hugo e le Luci convocato per l’investitura di Emmanuel Macron