► Gli Stati Uniti uniscono i loro alleati per armare l’Ucraina

Martedì, nel 62° giorno dell’invasione russa, gli Stati Uniti incontreranno circa 40 paesi alleati in Germania per discutere della necessità di fornire più armi all’Ucraina. Alla base americana di Ramstein in Germania, i rappresentanti di una quarantina di paesi, inclusa la NATO, discuteranno i modi per farlo “generare capacità aggiuntive per le forze ucraine”secondo il capo del Pentagono.

“Possono vincere se hanno la giusta attrezzatura, il giusto supporto”ha affermato Lloyd Austin, ministro della Difesa americano il giorno dopo una visita in Ucraina in compagnia del ministro americano, il suo omologo degli Affari esteri Antony Blinken.

→ LEGGI. Guerra in Ucraina: la Francia consegna armi pesanti a Kiev

Il capo della diplomazia russa Sergei Lavrov ha reagito agitando la minaccia di un prolungamento del conflitto che potrebbe degenerare in guerra mondiale. “Il pericolo è grave, è reale, non si può sottovalutare”ha dichiarato

► Scioperi agli impianti ferroviari

Almeno cinque persone sono rimaste uccise e altre 18 ferite lunedì negli attacchi russi alle installazioni ferroviarie nella regione di Vinnytsia (centro-ovest), ha annunciato la procura locale. L’esplosione del missile ha anche provocato un incendio alla stazione ferroviaria di Krasne vicino a Lviv, nell’Ucraina occidentale, secondo il governatore regionale, che ha affermato di non avere informazioni su possibili vittime immediate.

Vedi anche:  Marocco, Libia, Sahel: l'Africa, paradiso dei narcotrafficanti

→ RILEGGI. Guerra in Ucraina, giorno 61: diplomatici americani tornano a Kiev, nessuna tregua per la Pasqua ortodossa

Un totale di cinque installazioni ferroviarie sono state prese di mira dalle forze armate russe lunedì, segno che la Russia vuole rallentare o ostacolare lo sforzo logistico dell’Ucraina. Secondo quanto riferito, anche l’unica raffineria di petrolio dell’Ucraina, situata a Kremenchuk sul Dnepr, è stata colpita da scioperi.

► La Russia accusa l’Ucraina di attacchi a un villaggio

Il governatore della regione russa di Belgorod, al confine con l’Ucraina, vicino a Kharkiv, lunedì sera ha accusato l’Ucraina di aver bombardato un villaggio sul suo territorio. “Un villaggio è stato colpito (…). È già chiaro che ci sono civili feriti. Per il momento sono due: un uomo ferito a una mano e una donna che ha riportato una ferita al collo.Egli ha detto.

→ Tribuna. Guerra di aggressione contro l’Ucraina: una nuova era del diritto internazionale?

Secondo lui, i colpi hanno preso di mira il villaggio di Jouravliovka. Sul posto sono già arrivate le ambulanze. Ci sono case parzialmente distrutte”ha detto il governatore delcontea di Belgorod.

Non è la prima volta che la Russia accusa il suo vicino di prendere di mira il suo territorio. Ha ripetutamente assicurato che le forze ucraine avevano effettuato attacchi sul lato russo del confine.

Vedi anche:  in Irlanda, i russofoni si mobilitano contro la disinformazione del Cremlino

► Nessuna evacuazione dello stabilimento Azovstal

Non è stato raggiunto alcun accordo per creare un corridoio umanitario che consenta l’evacuazione dei civili rintanati con i combattenti ucraini nel complesso metallurgico assediato dell’Azovstal a Mariupol, ha detto Kiev.

La Russia lunedì ha accusato le autorità ucraine, accusandole di aver impedito ai civili rintanati con i combattenti ucraini di lasciare questi luoghi, nonostante l’annuncio di un cessate il fuoco da parte dell’esercito russo.

L’enorme fabbrica di Azovstal è l’ultima area ridotta controllata dalle forze di Kiev a Mariupol, una grande città portuale devastata dai bombardamenti dopo diverse settimane di assedio. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che circa un migliaio di civili e centinaia di feriti sono ancora trincerati lì, in condizioni catastrofiche.

► Più di 5,2 milioni di rifugiati

Il numero di rifugiati ucraini che sono fuggiti dal loro paese dal 24 febbraio ha superato i 5,2 milioni, secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

→ SPIEGAZIONE. Guerra in Ucraina: come donare senza essere truffati

Inoltre, più di 7,7 milioni di persone hanno lasciato le loro case ma si trovano ancora in Ucraina, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), anch’essa collegata alle Nazioni Unite.

Articolo precedenteDichiarazione dei redditi 2022: cos’è una quota di imposta?
Articolo successivoMali: un gruppo jihadista afferma di trattenere un mercenario russo del gruppo Wagner