martedì, Maggio 24, 2022
Home Mondo Guerra in Ucraina, aggiornamento di mezzogiorno: colloqui, Kiev vuole entrare nell’Ue…

Guerra in Ucraina, aggiornamento di mezzogiorno: colloqui, Kiev vuole entrare nell’Ue…

71
0

L’Ucraina chiede un’integrazione “immediata” nell’UE

Chiesto da notizie sull’euroquesta domenica, 27 febbraio, la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha assicurato: “Stiamo integrando l’Ucraina nel mercato unico. “Ci sono molte cose su cui lavoriamo a stretto contatto e un senso di appartenenza si sviluppa nel tempo. Sono nostri e li vogliamo con noi. »

A seguito di queste dichiarazioni, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha esortato, lunedì, in un discorso video, l’Unione europea a integrare ” senza indugio il suo paese che combatte da cinque giorni. “Ci stiamo rivolgendo all’UE per quanto riguarda l’integrazione immediata dell’Ucraina attraverso una nuova procedura speciale. » “Sono sicuro che è possibile” ha specificato.

Zelensky invita le forze russe a “deporre le armi”

In questo stesso video, il presidente ha anche invitato i soldati russi che hanno invaso l’Ucraina “Butta giù le armi”. “Deponi le armi, esci di qui, non credere ai tuoi comandanti, non credere ai tuoi propagandisti. Salva semplicemente le tue vite” disse in russo.

Il Cremlino non rivelerà la sua posizione prima dei negoziati con l’Ucraina

Il Cremlino non intende rivelare la sua posizione prima dei negoziati che dovrebbero iniziare a breve con l’Ucraina, ha affermato lunedì il portavoce del Cremlino. “Non annuncerò le posizioni che abbiamo, ecc. Le trattative vanno fatte in silenzio”ha detto, durante la sua conferenza stampa quotidiana, Dmitry Peskov. “Lascia che i negoziatori si calmino”Ha aggiunto.

“Ogni ora in più in questo conflitto, cittadini e soldati ucraini muoiono. Ci siamo uniti con l’obiettivo di raggiungere un accordo, ma deve essere nell’interesse di entrambe le parti. Lo ha detto in televisione il negoziatore russo e consigliere del Cremlino Vladimir Medinsky.

LEGGI ANCHE: Ucraina: Kiev introduce il coprifuoco e dà la caccia ai sabotatori

Più di 100 civili uccisi tra cui 7 bambini secondo le Nazioni Unite

L’ONU ha dichiarato lunedì di aver registrato 102 civili ucraini uccisi, inclusi 7 bambini, e 304 feriti, dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina. “La maggior parte di questi civili è stata uccisa da armi esplosive ad ampia area, inclusi colpi di artiglieria pesante, lanciarazzi multipli e attacchi aerei. I numeri effettivi sono, temo, considerevolmente più alti”ha annunciato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, in apertura del Consiglio per i diritti umani.

Più di 500.000 rifugiati dall’Ucraina registrati dall’UNHCR

Più di mezzo milione di persone sono arrivate dall’Ucraina per rifugiarsi in diversi paesi vicini dopo lo scoppio di una grande offensiva militare russa giovedì scorso, ha twittato lunedì l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi.

Questa domenica, il sindaco di Lille, Martine Aubry, ha fatto appello ai residenti di Lille a fare volontariato per accogliere i rifugiati ucraini in fuga dalla guerra.

LEGGI ANCHE: La Francia ha inviato 33 tonnellate di aiuti umanitari ai confini dell’Ucraina, afferma Darmanin

Gli account russi falsi prendono di mira l’Ucraina sui social media

I gruppi filo-russi stanno orchestrando varie campagne di disinformazione sui social media utilizzando profili falsi o account hackerati per ritrarre l’Ucraina come una semplice pedina in mano occidentale, ha affermato domenica il gruppo statunitense Meta, la società madre di Facebook. Instagram o WhatsApp.

Secondo AFP, il team di sicurezza informatica ha chiuso una serie di account falsi collegati alla Russia e bloccato la condivisione di indirizzi Internet collegati a siti che diffondono informazioni false, ha spiegato David Agranovich, direttore del team di gestione delle minacce di Facebook.

“Gestivano siti Web che si spacciavano per entità giornalistiche indipendenti e creavano profili falsi su piattaforme di social media, inclusi Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, Telegram e anche (reti) russe Odnoklassniki e VK »secondo un post sul blog di Meta.

Articolo precedentedi fronte al riscaldamento globale, l’urgenza di adattarsi
Articolo successivoI bielorussi votano per le riforme che rafforzano i poteri di Lukashenko