lunedì, Settembre 26, 2022
Home Mondo Guerra in Ucraina: due prigionieri britannici chiedono a Boris Johnson di negoziare...

Guerra in Ucraina: due prigionieri britannici chiedono a Boris Johnson di negoziare il loro scambio

112
0

Questo lunedì, 18 aprile, l’Ucraina ha pubblicato un video del deputato e uomo d’affari ucraino Viktor Medvedchuk, arrestato dalle forze ucraine. Vestito di nero e seduto a un tavolo in una breve sequenza senza data, questo individuo, noto per essere vicino a Vladimir Putin, chiede di essere scambiato con soldati o civili ucraini. Come afferma l’Afp, il Cremlino sembra accogliere con cautela la sua richiesta, ricordando che Medvedchuk «non è non un cittadino russo e che non chiede chiaramente alla Russia di intervenire.

Un uomo d’affari vicino a Vladimir Putin

Dodicesima fortuna del suo paese, Viktor Medvedchuk è ben noto alle autorità ucraine. È infatti il ​​fondatore del partito di opposizione filorusso Platform-For Life, che aveva una trentina di deputati nella Verkhovna Rada, il parlamento ucraino. Questo movimento fu poi bandito al momento dell’invasione della Russia.

L’uomo d’affari era agli arresti domiciliari dal maggio 2021 dopo essere stato accusato di “alto tradimento” e “tentativo di saccheggio di risorse naturali in Crimea”, la penisola ucraina annessa alla Russia nel 2014. Ma il 26 febbraio, 48 ore dopo l’inizio del dell’offensiva russa in Ucraina, la polizia ucraina aveva notato la sua scomparsa, mentre effettuava una visita di controllo.

Vedi anche:  misure anti-migranti in Europa

Due prigionieri britannici chiedono aiuto a Boris Johnson

Anche lunedì, la televisione pubblica russa, VGTRK, ha anche pubblicato un video ripreso da diversi media. Nelle immagini, due uomini presentati come cittadini britannici e identificati come Aiden Aslin e Shaun Pinner, recentemente catturati in Ucraina, chiedono a Boris Johnson di negoziare il loro rilascio in cambio di quello dello stesso… Viktor Medvedchuk. I due uomini, che affrontano il giornalista Andrei Roudenko, non specificano se siano detenuti dall’esercito russo o da separatisti ucraini.

Si dice che Shaun Pinner abbia combattuto per sei settimane al fianco dei marines ucraini a Mariupol, la città portuale circondata dalla Russia. Secondo il Custode, il 48enne è un ex soldato del Royal Anglian Regiment, un reggimento di fanteria dell’esercito britannico. Originario del Bedfordshire, si dice che si sia trasferito in Ucraina nel 2018 e abbia vissuto con la moglie nel Donbass prima di prendere le armi contro la Russia.

Quanto ad Aiden Aslin, un soldato di 28 anni, sarebbe stato catturato il 15 aprile dall’esercito russo. Secondo una testimonianza resa dalla madre al giornale Il Telegrafo, il giovane era entrato a far parte della Marina ucraina nel 2018. Come Shaun Pinner, si era stabilito in Ucraina dove aveva comprato una casa per vivere con la sua fidanzata. Anni prima, all’età di 21 anni, si era unito ai gruppi curdi per combattere Daesh in Siria.

Vedi anche:  una situazione “catastrofica” per i civili a Mariupol

Per il momento, il premier Boris Johnson non ha reagito alla messa in onda di questi video.

Articolo precedenteIl blocco di Shanghai pesa sull’economia cinese
Articolo successivoA Mariupol, l’Ucraina sceglie la resistenza a tutti i costi