Mentre l’invasione russa dell’Ucraina ha fatto precipitare il mercato energetico globale in subbuglio, l’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) venerdì (18 marzo) ha presentato dieci misure per risparmiare denaro.

→ RILEGGI Commodities: il grande nervosismo del grano e del prezzo del petrolio

Terzo produttore mondiale di petrolio e principale fornitore di gas in Europa (circa il 40%), la Russia si trova colpita dalle severe sanzioni economiche imposte dai paesi occidentali. Di fronte al rischio di shock, “Un’azione immediata nelle economie avanzate può ridurre la domanda di petrolio di 2,7 milioni di barili al giorno nei prossimi quattro mesi”, dice l’agenzia internazionale.

Limita l’uso dell’auto

Il suo piano in dieci punti si concentra sul settore dei trasporti. L’AIE suggerisce di abbassare “limiti di velocità in autostrada di almeno 10 km/h”almeno per promuovere il telelavoro “tre giorni a settimana se possibile” o per organizzare “domeniche senza auto” nelle città.

Vedi anche:  In Ucraina, donazioni per l'emergenza… e ricostruzione

→ LEGGI. Guidare più lentamente per fare a meno del petrolio russo

Altre misure proposte includono l’abbassamento del prezzo del trasporto pubblico e l’aumento dell’uso di passeggiate a piedi o in bicicletta. Queste misure “nel breve termine, quando fattibile e culturalmente accettabile, può evitare l’uso di circa 330 barili/giorno di petrolio”afferma l’AIE.

L’agenzia chiede anche di evitare viaggi di lavoro in aereo “quando ci sono alternative” come TGV o treni notturni. Gli esperti menzionano anche la necessità di promuovere l’uso dei veicoli elettrici o l’uso del carpooling.

→ ANALISI. Negli Stati Uniti, Joe Biden vuole rendere ecologici gli scuolabus

Oltre a queste dieci misure, l’agenzia sollecita i governi “considerare di accelerare il loro passaggio alle energie pulite (…). Ulteriori riduzioni della domanda di petrolio sono attese negli anni a venire. » Per raggiungere emissioni nette zero entro il 2050, la domanda di petrolio nelle economie avanzate nel 2030 deve, secondo gli esperti, essere inferiore di oltre 15 milioni di barili/giorno rispetto a quello del 2021”.

Articolo precedenteEkho Moskvy, una radio gratuita in modalità sopravvivenza
Articolo successivoLo Stato è costretto a salvare nuovamente EDF