Giovedì 21 aprile i parlamentari britannici hanno deciso di aprire un’indagine per determinare se il primo ministro britannico Boris Johnson abbia consapevolmente ingannato il Parlamento nelle sue spiegazioni nel caso del “cancello della festa”.

→ LEGGI. “Partygate”: nel Regno Unito il report di Sue Gray è un flop

Per consenso, senza nemmeno votare formalmente, hanno deciso di impossessarsi del “Comitato Privilegi”che a sua volta indagherà su questo scandalo attorno ai partiti organizzati a Downing Street nonostante i successivi confinamenti legati alla pandemia di Covid-19, in una procedura che potrebbe alla fine costringere Boris Johnson alle dimissioni.

Il primo capo di governo britannico sanzionato per aver infranto la legge

Nonostante una larga maggioranza tra i parlamentari, Boris Johnson non ha goduto del sostegno delle sue truppe, molto riluttanti a mostrare la loro lealtà di fronte alla rabbia degli elettori.

Vedi anche:  Viaggi aerei, tagli all'acqua in Guadalupa, morte di Mahsa Amini: le 3 notizie della notte

→ RILEGGI. Regno Unito: rivelazioni a cascata sui party organizzati da Boris Johnson

Si tratta di un nuovo episodio di questa vicenda che ha visto un susseguirsi di rivelazioni, richieste di dimissioni e pubbliche scuse. Trascorse un po’ di tempo sullo sfondo a causa della guerra in Ucraina, il “ cancello della festa è stato ripreso la scorsa settimana quando il Primo Ministro è stato multato per aver violato le restrizioni Covid prendendo parte a una festa a sorpresa per il suo 56° compleanno nel giugno 2020. È quindi il primo capo del governo britannico in carica sanzionato per aver infranto la legge.

Martedì 19 aprile Boris Johnson ha ripetuto le sue scuse “senza riserve” ai parlamentari e agli inglesi. Il Primo Ministro aveva detto che non l’avrebbe fatto “non mi era venuto in mente” che questa riunione, di una decina di minuti al massimo secondo lui, “potrebbe costituire una violazione delle regole” allora in vigore.

Vedi anche:  quando Putin sceglie i suoi ospiti

Articolo precedenteVladimir Putin chiede la “liberazione” di Mariupol
Articolo successivoLa tensione a Gerusalemme si estende a Gaza