“La crisi sanitaria ha messo in luce l’intervento dei consulenti nella conduzione delle politiche pubbliche. Era davvero solo la punta dell’iceberg”. : l’accusa è firmata dai senatori Arnaud Bazin (Les Républicains) ed Éliane Assassi (Partito comunista), che giovedì 17 marzo hanno pubblicato il loro rapporto sull’influenza delle società di consulenza sulle politiche pubbliche. Dopo quattro mesi di indagine, concludono il dispiegamento “disteso” di queste società private nell’amministrazione.

2,4 miliardi di euro dal 2018

Questo uso di società di consulenza “non è scontato” dai decisori, secondo Arnaud Bazin, e quindi non è oggetto di dibattito democratico. Il conto però è salato, gonfiato dalla crisi sanitaria. L’anno scorso lo Stato ha firmato un assegno di un miliardo di euro a queste società di consulenza, di cui il 90% dei servizi è destinato ai ministeri.

→ I FATTI. Il governo regola l’uso delle pratiche private

I senatori sottolineano, però, che si tratta solo di questo “stima minima”. Come minimo, le società di consulenza sono costate allo stato 2,4 miliardi di euro dal 2018. “Un impasto pazzesco”, scherzano i senatori. A gennaio, il governo ha annunciato l’intenzione di abbassare il conto del 15% nel prossimo anno.

“Opacità”

“La prima osservazione dietro questo massiccio intervento dei consulenti in politiche pubbliche è l’opacità, sottolinea la relatrice Éliane Assassi. Anche lo stato non ha una visione globale. »

Esempio con McKinsey, una delle più grandi società di consulenza al mondo, molto richiesta dal Ministero della Salute durante la crisi sanitaria. “L’azienda McKinsey non utilizza i propri loghi nella redazione dei documenti ma quelli dell’amministrazione, continua il senatore. Questi sono servizi invisibili. »

→ DIBATTITO. Budget 2022 è un budget della campagna presidenziale?

Vedi anche:  Il 63% delle banche paga un riscatto

A questa mancanza di visibilità contribuisce il ricorso ad accordi quadro, specie di acquisti raggruppati – e anticipati – di servizi da cui lo Stato attingerà secondo le proprie esigenze. Porta anche, per comodità, a sollecitare più regolarmente le società di consulenza. La pratica è anche elevata al rango di “riflesso”, secondo i senatori.

Lo Stato ha scelta?

Alcuni servizi ti lasciano anche a bocca aperta. Tra dicembre 2020 e febbraio 2021, McKinsey è responsabile dell’invio di un consulente per garantire “il coordinamento tra lo Stato e una delle sue agenzie, Public Health France”… Costo del servizio? 170.000 euro. I senatori elencano altri servizi regolarmente fatturati che hanno dato alla luce i topi.

Ma lo Stato ha davvero una scelta? In altre parole, i suoi funzionari hanno tutte le competenze necessarie? Ascoltato a febbraio dai senatori, il ministro della Salute Olivier Véran ha fatto di questo punto un pilastro della sua argomentazione: “L’entità della crisi sanitaria ha richiesto la mobilitazione, in tempi record, di rinforzi in numero e competenze. »

“Sistema”

“Certo, c’è stato stupore all’inizio della crisigiudice Arnaud Bazin. Ma questo ricorso alle società di consulenza è proseguito per due anni. Lo Stato non ha cercato, nel tempo, di interiorizzare i compiti e di accrescere le competenze dei suoi funzionari. Si stabilì in questo sistema. »

Funzionari: il governo annuncia lo scongelamento del punto indice “prima dell’estate”

“Non c’è dubbio sul contributo che queste società di consulenza possono avere in un certo numero di areeinquadrare però Arnaud Bazin. Hanno una forza d’attacco rapida, esperienza all’avanguardia in alcuni settori come la logistica – inoltre, non è normale che lo Stato non abbia competenze in materia. Quello che vogliamo è che ci sia un metodo per utilizzare queste aziende. »

Dottrina in via di sviluppo

Per questo, il rapporto formula diciannove raccomandazioni che dovrebbero essere formulate in un disegno di legge “tra qualche mese”. In particolare è previsto un obbligo di pubblicità annuale nei confronti dei prestatori di servizi consultati, ma anche nei dettagli dei loro servizi, con valutazione sistematica di questi ultimi. Il governo è chiamato da parte sua “mappare” le sue capacità, la storia di non aver utilizzato fornitori di servizi mentre i suoi funzionari sono disponibili… e formati.

Vedi anche:  Twitter testerà un pulsante che consente agli utenti di modificare un messaggio

————

L’azienda McKinsey accusata di evasione fiscale

Ampiamente richiesta dallo Stato, in particolare nel contesto della crisi sanitaria dove avrà partecipato allo sviluppo della strategia vaccinale del governo, la società di consulenza McKinsey si trova in subbuglio a seguito dell’audizione di uno dei suoi leader, Karim Tadjeddine, da parte di una commissione senatoriale di inchiesta a gennaio. Queste udienze si svolgono sotto giuramento: qualsiasi menzogna è punita con cinque anni di reclusione e una multa di 75.000 euro. “Lo dico molto chiaramente: in Francia paghiamo l’imposta sulle società”ha detto Karim Tadjeddine.

Questa affermazione è contraddetta dal rapporto del Senato, che si è rivolto al ministero delle Finanze. Attraverso un meccanismo di ottimizzazione fiscale, la società rimpatria i profitti realizzati in Francia negli Stati Uniti, più precisamente nel Delaware, uno stato ben noto per la sua flessibilità fiscale. “McKinsey non paga l’imposta sulle società in Francia da almeno dieci anni”, conferma Arnaud Bazin, presidente della commissione d’inchiesta. I senatori denunciano a “esempio caricaturale di ottimizzazione fiscale”.

Articolo precedenteQuando la guerra infrange i legami tra i “fratelli” ucraini e russi
Articolo successivola previdenza complementare privata diventa verde