La Croce : Arcom, il regolatore dell’audiovisivo in Francia, avrebbe i mezzi per sospendere, o addirittura vietare, la trasmissione dei programmi di Russia Today?

Isabelle Wekstein-Steg: Arcom ha davvero i mezzi. Come ogni canale installato sul suolo francese, Russia Today ha firmato un accordo accompagnato da obblighi in materia di pluralismo e garanzia dell’onestà delle informazioni. Dal momento in cui questi impegni non vengono rispettati, Arcom può pronunciare la sospensione della catena.

→ IN DIRETTA. Guerra in Ucraina: segui le ultime notizie sullo sviluppo del conflitto russo-ucraino

In generale, la procedura è graduata. Dopo la visione delle sequenze contenziose e l’osservazione delle violazioni degli obblighi contrattuali, c’è una lettera di sollecito, quindi un avvertimento, seguito da una diffida, e quindi eventualmente sanzioni. Ma se c’è un’emergenza, come è il caso qui, l’Arcom può sequestrare il Consiglio di Stato affinché ordini in sintesi la sospensione dei media incriminati. In questo caso, la procedura può essere rapida.

Questa sospensione è temporanea, definitiva?

I.WS. : Può esserci una sospensione per un determinato periodo o una riduzione della durata dell’autorizzazione al rilascio, ma anche una revoca definitiva di tale autorizzazione. Se Arcom si impossessa del Consiglio di Stato, e penso che accadrà, la decisione sarà immediatamente esecutiva.

Vedi anche:  Stati Uniti: rabbia in Michigan per la morte di un uomo di colore ucciso da un poliziotto bianco

La dichiarazione della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, dà più peso ad Arcom?

IW-S. : A livello europeo, si applica la direttiva AVMS (sui servizi di media audiovisivi) del 2010 e modificata nel 2018. In particolare l’articolo prevede che gli Stati membri dell’Unione abbiano cura di vietare ogni incitamento alla violenza, all’odio.

Ma questa direttiva deve poi essere tradotta in legislazione in ogni paese membro e applicata localmente. Così, se non è necessario per l’attuazione di una procedura di Arcom a livello francese, la forte e inequivocabile dichiarazione di Ursula von der Leyen lo rafforza.

Quale ricorso potrebbe avere Russia Today in caso di divieto?

IW-S. : Russia Today può intentare una causa, cercando di invocare la legge del 30 settembre 1986 sulla libertà di espressione. Tuttavia, ciò sarebbe inopportuno: se la legge tutela davvero la libertà di espressione, pone dei limiti anche in caso di attacco al pluralismo delle correnti di pensiero e di opinione. RT è un mezzo di propaganda russo che non rispetta il pluralismo e in realtà mina la libertà di espressione.

Vedi anche:  per Vladimir Putin, tutte le strade portano a L'Aia

Il canale russo evidenzierebbe senza dubbio i tagli ai posti di lavoro causati dal divieto, ma questo non sarebbe un argomento giuridicamente fondato per opporsi a una decisione di sospensione o revoca dell’autorizzazione.

→ SPIEGAZIONE. La Germania vieta il canale televisivo Russia Today

D’altra parte, sorge un’altra questione, quella della distribuzione dei programmi via Internet e social network, quando sappiamo, in particolare, che l’account Facebook di Russia Today ha 1,1 milioni di pagine viste. Legalmente, vietare questo account (come è avvenuto con quello di Donald Trump durante l’attacco al Campidoglio a Washington) richiede un’altra strada legale.

(Si noti che i social network Facebook, Twitter e TikTok hanno appena bloccato gli account di Russia Today, così come il sito Sputnik, o ne hanno mascherato i contenuti, ndr).

Articolo precedenteGuerra in Ucraina: Bruno Le Maire promette di “causare il collasso dell’economia russa”
Articolo successivoLa Lituania erige anche barriere di confine