Marco Bucci, eletto uscente, si presenta domenica 12 giugno per un secondo mandato come sindaco di Genova. Come ripete, questo indipendente di centrodestra è convinto di essere rieletto e intende restare a capo della sua città. Promette di rivoluzionare la città portuale e fa campagna elettorale scommettendo sulla rinascita della sua città dopo il crollo del ponte Morandi nel 2018. A quattro anni dalla tragedia, queste nuove elezioni hanno definitivamente voltato pagina su questo periodo buio.

La sfida del nuovo ponte

Il crollo del ponte Morandi il 14 agosto 2018 ha causato la morte di 43 persone e ha pianto l’intero Paese. Di carattere discreto, Marco Bucci era stato messo sotto i riflettori. Aveva infatti subito intrapreso i lavori di ricostruzione, affidando il progetto al celebre architetto italiano Renzo Piano.

In meno di due anni di lavori e in un insolito clima di armonia, viene ricostruita e inaugurata una nuova struttura: il ponte San Giorgio, soprannominato il “Cerchio Rosso”. Il sindaco è stato poi acclamato per la velocità della sua reazione e del suo gesto.

Vedi anche:  Boris Johnson, Olaf Scholz, Ursula von der Leyen... accolgono con favore la rielezione di Macron

Questa passerella in cemento armato, oggi accessibile ai passanti e ai ciclisti, è un’opera architettonica ed ecologica. Raccoglie e distribuisce l’energia rinnovabile prodotta dai pannelli solari. Le turbine eoliche sono installate anche sulla “torre del vento”, che ne chiude la circonferenza e si affaccia sul ponte.

Rigenerazione urbana

Ma questo nuovo ponte fa anche parte di un vasto progetto di rigenerazione urbana. Il crollo del ponte e l’assenza di una sezione per due anni, infatti, ebbero gravi conseguenze sulla vita del quartiere, sulle attività del porto industriale ma anche sulla viabilità di una città così commerciale. Tanto più che la sua economia è stata messa al tappeto, a seguito della crisi nata dall’epidemia di Covid-19.

Vedi anche:  Restrizioni sanitarie: il convoglio di libertà flop in Svizzera

Il sindaco quindi promette per il suo secondo mandato “una Genova visionaria, competitiva e simbolo del rinnovamento italiano”. Le sue promesse vanno oltre il nuovo ponte: afferma di voler rivoluzionare il centro storico, puntando in particolare sulla mobilità sostenibile. Intende inoltre investire più di un miliardo di euro nel porto e creare 55.000 nuovi posti di lavoro.

Una lotta politica

Con il suo programma, Marco Bucci ha già convinto l’intera destra italiana. Di fronte, la sinistra e il Movimento 5 Stelle hanno unito le forze per opporsi a un altro candidato: Ariel Dello Strologo. Se il sindaco uscente si presenta già come il favorito raccogliendo il 55% delle intenzioni di voto negli ultimi sondaggi, a destra come a sinistra, l’obiettivo è lo stesso: ridare speranza agli abitanti ancora segnati da una tragedia che ha scosso tutti d’Italia.

Articolo precedenteA Marsiglia, un collettivo nella lotta alle navi da crociera
Articolo successivoL’UE promette una risposta rapida all’adesione, lotte a Severodonetsk