Arrivato mercoledì 8 giugno a Los Angeles per un Summit delle Americhe che dovrebbe dare nuova vita alle relazioni tra Stati Uniti e America Latina, Joe Biden ha annunciato un ambizioso “Partenariato delle Americhe per la prosperità economica”. La Casa Bianca vuole convincere i suoi partner che Washington, nonostante il “perno” verso l’Asia-Pacifico, non sta abbandonando il suo vecchio cortile.

Un progetto ambizioso, ma ancora poco chiaro

Joe Biden vuole colpire duro. Il Summit delle Americhe, una riunione periodica dei capi di stato della regione, la prima dei quali si tenne a Miami nel 1994, dovrebbe consentire al presidente americano di lanciare un messaggio chiaro: Washington è tornata nella regione, dopo un’amministrazione negligente Trump e un preoccupato presidente Obama si concentreranno sull’Asia.

Da qui annunci importanti. Joe Biden ha così presentato mercoledì a “Partenariato delle Americhe per la prosperità economica”. Secondo la Casa Bianca, il suo obiettivo è rivitalizzare istituzioni regionali come la Banca interamericana di sviluppo, incoraggiare gli investimenti privati, stimolare l’economia verde e combattere la corruzione, sviluppando nel contempo il commercio.

Il progetto è ambizioso, ma manca di dettagli concreti, in particolare in termini di finanziamento. D’altronde Washington ha già reso pubblico un piano da 100 milioni di dollari (93 milioni di euro) per formare 500mila operatori sanitari in America Latina. A Los Angeles dovrebbe essere presentato anche un altro programma da 300 milioni di dollari (280 milioni di euro), dedicato alla sicurezza alimentare.

Vedi anche:  SIM bloccate, patenti ritirate: queste sanzioni folli contro i non vaccinati nel mondo

Contrastare l’ascesa della Cina in America Latina

Per Joe Biden è urgente contrastare l’ascesa della Cina in America Latina. Anche importanti alleati degli Stati Uniti, come la Colombia o il Cile, non resistono più alle sirene di Pechino. Stanno aprendo le porte agli investimenti cinesi (energia, trasporti, ecc.). Ventuno paesi dell’America Latina e della regione dei Caraibi hanno aderito “Nuove vie della seta”un vasto progetto infrastrutturale nel mondo lanciato da Pechino.

Diplomatico è anche l’interesse della Cina per l’America Latina, ricca di risorse minerarie e agricole. Secondo il conteggio del Council on Foreign Relations, il presidente cinese Xi Jinping ha visitato la regione undici volte da quando è salito al potere nel 2013. Negli ultimi anni, diversi paesi centroamericani, come Panama e Nicaragua, hanno cessato di riconoscere Taiwan, a favore di Pechino.

Inoltre, la Cina ha approfittato della pandemia, tramite il rapido invio di vaccini, per affermare le sue posizioni nella regione. Da questo punto di vista, l’annuncio di Joe Biden di aiuti ai sistemi sanitari latinoamericani può essere interpretato come una risposta a Pechino.

Vedi anche:  Vladimir Putin mette alla prova gli occidentali a Ginevra Abbonati

lotta all’immigrazione

Per Joe Biden, questo Summit delle Americhe deve essere anche l’occasione per affrontare un tema centrale negli Stati Uniti: l’immigrazione. Un’importante dichiarazione regionale sull’argomento dovrebbe essere firmata a Los Angeles, nonostante l’assenza del presidente messicano Andrés Manuel Lopez Obrador.

Mentre il Messico è la porta principale per gli Stati Uniti, i migranti che affollano il confine meridionale provengono principalmente dall’America centrale. Roulotte partono regolarmente dai paesi del “Triangolo del Nord” – El Salvador, Guatemala e Honduras – diretti agli Stati Uniti, passando per il Messico.

Questo fascicolo è stato affidato al vicepresidente Kamala Harris, che ha visitato la regione. Martedì 7 giugno ha annunciato impegni del settore privato per un totale di 1,9 miliardi di dollari (1,77 miliardi di euro) per sostenere la creazione di posti di lavoro in America Centrale e scoraggiare le partenze verso il Rio Grande.

Articolo precedenteperché Putin vuole appropriarsi della memoria di Pietro il Grande, zar di guerra
Articolo successivoFine dei veicoli termici nel 2035, è possibile?