Anche durante le guerre, i simboli sono importanti. Forse ancor più che in tempo di pace, per risollevare il morale delle truppe. Mentre Mosca si drappeggiava di orgoglio patriottico in occasione delle sue celebrazioni del 9 maggio, Joe Biden si vendicò firmando a Washington il“Ukraine Democracy Defense Lend-Lease Act” – una legge ispirata a un dispositivo centrale nella vittoria degli alleati durante la seconda guerra mondiale.

simboli e armi

Joe Biden sulle orme di Franklin Delano Roosevelt. Firmando lunedì una legge volta a facilitare l’invio di aiuti all’Ucraina, l’inquilino della Casa Bianca non ha mancato di sottolineare che questo meccanismo di “Prestito-locazione” era “basato su un programma della seconda guerra mondiale progettato per aiutare l’Europa a resistere a Hitler”.

→ LEGGI. Guerra in Ucraina, giorno 76: intensificazione dei combattimenti nel Sud, oltre 13 milioni di sfollati secondo l’Onu

L'”Ukraine Democracy Defense Lend-Lease Act” fa eco al testo promulgato l’11 marzo 1941 che autorizza Franklin D. Roosevelt a “vendere, trasferire, scambiare, affittare o dotare con altri mezzi” qualsiasi materiale difensivo a qualsiasi governo “la cui difesa il Presidente considera vitale per la difesa degli Stati Uniti. »

→ ANALISI. Con l’Ucraina, Washington è di nuovo ormeggiata all’Europa

Questa legge ha risposto a una richiesta avanzata da Winston Churchill, che aveva finito i soldi dopo quasi due anni di conflitto. Prima della sua adozione, le vendite di armi e munizioni americane erano soggette a “Cash and Carry”, che richiedeva pagamenti immediati. Attraverso i suoi meccanismi di pagamento differito, il Lend-Lease Act del 1941 permise a Washington di venire in aiuto degli Alleati pur rimanendo ufficialmente neutrale. Il Regno Unito, ma anche la Francia Libera, la Cina e l’URSS, hanno potuto sfruttare le fabbriche di “l’arsenale della democrazia”.

Ampi poteri per il presidente americano

Dall’invasione russa, Washington è stata il più importante supporto militare e finanziario di Kiev. Gli aiuti statunitensi di ogni tipo sono valutati a circa 3,8 miliardi di dollari. Ciò porta il sostegno all’Ucraina a oltre 6 miliardi di dollari dall’annessione della Crimea nel 2014.

Vedi anche:  saremo mai in grado di giudicare Vladimir Putin?

Sebbene spettacolare, questo sostegno agli uomini di Volodymyr Zelensky è ritenuto da molti insufficiente per affrontare Mosca. È vero che la Casa Bianca non ha libero sfogo: per tutte le questioni di bilancio è il Congresso ad avere l’ultima parola. Per sbloccare nuovi stanziamenti è quindi necessario che le due Camere votino, il che rallenta il processo.

Se il Presidente degli Stati Uniti non è privo di soluzioni, in caso di “emergenza imprevista”, può autorizzare il trasferimento immediato di materiale prelevato dalle azioni americane, cosa che Joe Biden ha già fatto otto volte dall’estate del 2021 , per un valore di oltre 3,3 miliardi di dollari – la sua azione è inquadrata da numerose leggi.

Vedi anche:  Le elezioni presidenziali viste da... Berlino: "Il discorso di Zemmour è scioccante in Germania"

Grazie al testo firmato lunedì, la Casa Bianca può ora, per gli anni 2022 e 2023, prestare e noleggiare attrezzature a kiev con maggiore flessibilità del solito (condizioni di rimborso più favorevoli per l’Ucraina, estensione della durata del prestito oltre i cinque anni , eccetera.)

Sostegno quasi unanime da Washington

In un paese altamente polarizzato politicamente, gli aiuti all’Ucraina sono un’eccezione. Se possono esistere differenze su alcuni aspetti (tipo di armamento, tasso di aiuto, ecc.), il sostegno a Kiev è unanime nella classe politica americana.

A riprova, il sostegno quasi unanime del Congresso all’“Ukraine Democracy Defense Lend-Lease Act”: questo testo è stato votato da tutti i senatori e solo dieci eletti repubblicani hanno mancato la convocazione alla Camera dei Rappresentanti, che conta 435 membri.

Ma su questo dossier il Congresso è già stato chiamato di nuovo: la Casa Bianca chiede un’ingente estensione del budget di 33 miliardi di dollari per continuare ad aiutare l’Ucraina e consentire agli americani di ricostituire le proprie scorte di armi.

Articolo precedenteLa “Comunità politica europea” di Emmanuel Macron, un’idea già sperimentata da Mitterrand
Articolo successivoUnanimità, una regola europea destinata a durare