La fine del mito dei “popoli fratelli”. Il sindaco di Kiev Vitali Klitschko ha annunciato martedì 26 aprile che l’Arco dell’amicizia popolare, destinato a celebrare la vicinanza tra Russia e Ucraina, sarebbe stato ribattezzato e decorato con la bandiera ucraina. Distrutta anche parte del monumento. Una decisione ovviamente motivata dall’invasione russa lanciata il 24 febbraio.

→ CRONACA. Russia e Ucraina, storia e memoria

Lo smantellamento del monumento era stato richiesto dal ministro della Cultura Yeven Nyschuk nel 2016. Successivamente sarebbe stato sostituito da un memoriale ai veterani del Donbass. Nel 2018, il direttore dell’Istituto ucraino per la memoria nazionale, Volodymyr Viatrovych, ha rinnovato questa proposta, sostenendo il rispetto delle leggi sulla “decomunizzazione” adottate dal parlamento ucraino. Per mancanza di fondi non si fa nulla.

Un simbolo del giogo sovietico

In assenza di una decisione delle autorità, i cittadini di kyiv stanno prendendo in mano la situazione. Un artista appone una cicatrice nera sulla sommità dell’arco, a simboleggiare lo stato delle relazioni russo-ucraine. Il complesso è anche chiamato colloquialmente “yarmo” dalla gente del posto, che significa “giogo”.

Vedi anche:  A Ginevra, americani e russi fanno il punto sugli abbonati alla sicurezza europea

→ ANALISI. Kievan Rus’, lo stato medievale usato da Vladimir Putin per giustificare l’invasione dell’Ucraina

Tuttavia, il monumento rimase un luogo importante per gli abitanti della capitale. Ogni anno vi si tenevano petulanti festeggiamenti di Capodanno e nel 2018 si è svolto il festival musicale di Upark non lontano dall’arco, attirando artisti internazionali come i Gorillaz.

L’operaio russo perde la testa

Oltre all’arco, il monumento è costituito da una statua raffigurante due operai, uno russo e l’altro ucraino, recanti insieme l’Ordine dell’Amicizia dei Popoli. Questa decorazione è stata assegnata in epoca sovietica a individui, organizzazioni e unità militari che avevano lavorato “cooperazione interetnica e amicizia internazionale”. Durante lo smantellamento, la statua dell’operaio russo ha perso la testa.

Vedi anche:  Ad Ottawa i “convogli della libertà” spostati dalla polizia

L’ultima parte del monumento è una stele che rappresenta i firmatari del Trattato di Pereïaslav. Nel 1654, quest’ultimo opera la sottomissione dell’Ucraina al giogo russo. A quel tempo, il paese era in guerra con la Polonia. Minacciato, chiede alla Russia di integrarla come ducato indipendente. Per gli ucraini si tratta di un’alleanza militare temporanea, ma i russi la stanno usando per incorporare completamente l’Ucraina nel loro impero.

Questo trattato è stato oggetto di molti dibattiti tra storici russi e ucraini. Per gli intellettuali dell’era sovietica, simboleggiava il desiderio di due popoli fratelli di unirsi. Questo era anche il significato dell’arca. Era stato offerto da Mosca all’Ucraina nel 1982, in occasione del 60° anniversario dell’URSS, del 65° anniversario della Rivoluzione d’Ottobre e del 1500° anniversario di Kiev.

Articolo precedenteEsercito rinforzato e persino… appartenenza alla NATO? Come sta muovendo la guerra in Ucraina Finlandia
Articolo successivoIl Belgio presenta una denuncia contro un progetto francese