Dopo il loro ritiro da diverse città chiave intorno a Kiev, viene confermato il ridispiegamento delle forze russe verso il sud e l’est. “Le unità russe che si sono ritirate dall’Ucraina nord-orientale per ridistribuire a est sono fortemente indebolite”, stima l’American Institute for the Study of War (ISW) di Washington. Questo dovrebbe essere visto come un riposizionamento tattico o l’inizio di una ritirata, dopo più di cinque settimane di guerra? “Non dobbiamo essere troppo ottimisti”, tempera il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, che ha chiesto cautela domenica 3 aprile, temendo“un potenziale aumento degli attacchi, in particolare nel sud e nell’est”.

La battaglia per il Donbass, il prossimo capitolo della guerra in Ucraina

A sud, Mosca vorrebbe consolidare le sue posizioni intorno a Mariupol e far crollare questa città strategica per garantire la continuità territoriale dalla Crimea a Donetsk e Luhansk, le due repubbliche separatiste filo-russe del Donbass. Nonostante la resistenza ucraina, le forze russe “probabilmente prenderà la città nei prossimi giorni”, prevede l’ISW.

Vedi anche:  Egitto: liberazione in vista per l'attivista Ramy Shaath

“Unità già indebolite”

Sempre nel sud, la città storica e finora risparmiata di Odessa ha subito una serie di scioperi domenica, che hanno distrutto una raffineria e tre depositi di carburante. Tuttavia, gli esperti non vedono questo come un segno di un’offensiva imminente, visti i danni subiti dai russi sul fronte vicino a Mykolaiv.

→ RELAZIONE. “Perché hanno ucciso il mio Tolik? “: in Ucraina, abusi russi in pieno giorno

L’esercito russo guarda principalmente ad est. “La prossima battaglia decisiva sarà nel Donbass, dove le unità russe si stanno riorganizzando e stanno cercando di scacciare le forze ucraine, afferma Michael Kofman, esperto del think tank americano CNA. Questo è il fronte da tenere d’occhio nei prossimi giorni. »

Dopo tre settimane di offensiva, l’esercito di Mosca finì per conquistare la città di Izium, crocevia che permetteva alle truppe presenti nell’oblast di Kharkiv di unirsi a quelle del Donbass. Mais “È improbabile che le forze russe sfondano le difese ucraine se continuano a impegnare regolarmente unità già indebolite a combattere nell’Ucraina orientale”, crede l’ISW.

Vedi anche:  Accusato di voler uccidere il presidente, un ex soldato francese nell'inferno delle carceri malgasce

Articolo precedenteI temi caldi di Christel Heydemann, nuovo CEO di Orange
Articolo successivogrande vittoria per Viktor Orban