L’occupazione salariata privata continua ad aumentare in Francia, ma il ritmo di creazione di posti di lavoro è rallentato nel primo trimestre secondo i primi dati pubblicati venerdì 6 maggio dall’INSEE. Tra l’inizio di gennaio e la fine di marzo, la crescita ha raggiunto lo 0,3%, ovvero 66.100 posti di lavoro netti.

→ LEGGI ANCORA: Disoccupazione: continua il forte calo nel primo trimestre 2022

Nel quarto trimestre del 2021 il lavoro dipendente privato è aumentato dello 0,6%, chiudendo un anno positivo (+3,5% su tutto il 2021, ovvero 677.700 posti di lavoro in più). I progressi dello scorso anno avevano più che cancellato il calo nel 2020 a seguito della crisi sanitaria.

L’industria è in difficoltà

Nel dettaglio, nel primo trimestre il lavoro interinale, bussola del mercato del lavoro, ha subito una leggera flessione (–1,4%, pari a –11.500 posti di lavoro) dopo sette trimestri consecutivi di crescita. Il lavoro interinale rimane, nel primo trimestre del 2022, al di sopra del livello pre-crisi: + 4,8% (ovvero + 37.500 posti di lavoro) rispetto a fine 2019.

Vedi anche:  Cdiscount, l'irriducibile e-commerce gallico

Escludendo il lavoro interinale, il lavoro salariato privato è in aumento in tutti i settori, ma l’industria rimane al di sotto del livello pre-crisi. In questo settore l’occupazione è aumentata dello 0,1% per il quinto trimestre consecutivo (+3.100 posti di lavoro). Tuttavia, questi incrementi non compensano le perdite nel 2020 (–56.200 posti di lavoro) e l’occupazione industriale rimane quindi al di sotto del livello pre-crisi (–1,1%, ovvero –32.900 posti di lavoro rispetto alla fine della crisi).

Costruzione ben al di sopra del livello pre-Covid

Nel terziario di mercato, il lavoro dipendente privato ha rallentato nel primo trimestre (+0,3%, ovvero +38.900 dopo i +57.100 occupati nell’ultimo trimestre del 2021). In questo settore l’occupazione supera di gran lunga il livello pre-crisi: +1,9%, ovvero + 218.300 posti di lavoro rispetto a fine 2019.

Vedi anche:  miniere che vogliono essere responsabili

→ ANALISI. Come l’economia francese ha bisogno degli immigrati

Nell’edilizia, il lavoro dipendente privato è tornato a crescere dello 0,4% (+6.000 posti di lavoro, dopo +6.300). Ha superato il livello di fine 2019 del 5,1% (+73.600 posti di lavoro) fine 2019: + 3,4%, ovvero + 84.600 posti di lavoro.

Articolo precedentenuovo convoglio per i civili dell’Azovstal, raccolti 6 miliardi di euro
Articolo successivoQuando i rifiuti abbandonati uccidono le mucche