“La polizia distrettuale di Gerusalemme ha sparato per rendere inabile il sospetto”, ha detto la polizia in una nota. Poco dopo, i servizi di emergenza di Magen David Adom hanno detto che la vittima, accoltellata da un giovane palestinese, era un israeliano sulla trentina e aveva riportato ferite lievi. L’aggressore di circa 20 anni è stato evacuato “in gravi condizioni”secondo il portavoce dei soccorsi israeliani Zaki Heller.

Scontri frequenti

L’attacco è avvenuto a Gerusalemme Ovest, vicino all’incrocio con il settore orientale della città. Scontri frequenti scoppiano a Gerusalemme, città al centro del conflitto tra israeliani e palestinesi. Gerusalemme, la Cisgiordania occupata e Israele sono teatro da ottobre 2015 e da mesi di attacchi anti-israeliani, il più delle volte commessi da giovani palestinesi isolati. Da allora questa violenza è diminuita di intensità, ma persiste sporadicamente, come è avvenuto sabato 19 marzo. All’inizio di marzo, la polizia israeliana aveva già indicato di aver ucciso un aggressore che aveva accoltellato due agenti nella Città Vecchia di Gerusalemme.

Vedi anche:  In Cina, le famiglie ingannano e si rovinano per l'educazione dei loro figli Abbonati

Più di 300.000 palestinesi e 210.000 israeliani vivono oggi a Gerusalemme Est, nella parte occupata e annessa da Israele dal 1967. La colonizzazione israeliana, illegale secondo il diritto internazionale, è continuata sotto tutti i governi israeliani dal 1967.

Articolo precedenteOdessa, ancora un osso per la Russia? Nel 1914 e nel 1941 lì si ruppe i denti…
Articolo successivoIn Sudan molti soldati rimpiangono il colpo di stato del generale Burhane