La Poste ha annunciato giovedì 21 luglio una revisione della sua offerta di affrancatura il 1 gennaio 2023, con in particolare la scomparsa del francobollo rosso, che prometteva la consegna in un giorno.

Concretamente, l’emblematico francobollo rosso della “lettera prioritaria”, che permette di affrancare una lettera per la consegna teoricamente il giorno successivo (sul D+1), lascerà il posto a una nuova formula ibrida, denominata “e-lettre rouge”.

Dovrai inviare un documento, fino a tre fogli, entro le 20:00 sul sito di La Poste, da un ufficio postale su un automa o con l’aiuto di un consulente. Il documento verrà stampato vicino al destinatario, inserito in una busta e distribuito il giorno successivo. “In totale riservatezza”, ha assicurato il capo della filiale di servizio-posta-pacchi di La Poste, Philippe Dorge.

Questo servizio di “e-letter” avrà un costo di 1,49 €, rispetto a 1,43 € dell’attuale francobollo rosso. Questa sarebbe una prima mondiale, secondo La Poste, che ha visto crollare i volumi di posta tradizionali per diversi anni.

Vedi anche:  Veolia estende la sua offerta pubblica di acquisto per assorbire Suez

Posta spedita con un francobollo verde distribuito in tre giorni invece che in due

“Dal 2008 i volumi Re+1 sono stati divisi per 14”, con attualmente 300 milioni di articoli sui 7 miliardi di lettere inviate da La Poste ogni anno, spiega Philippe Dorge. Questo sta cominciando a essere costoso ea pesare sull’ambiente, dal momento che il gruppo utilizza sempre meno aerei, camion e furgoni pieni.

Le lettere inviate con il timbro verde, il più utilizzato per gli invii quotidiani, verranno distribuite in tre giorni invece dei due di oggi. Il loro prezzo rimarrà invariato, a 1,16€ per spedizioni fino a 20 grammi. Questo francobollo sarà offerto anche il prossimo anno in forma digitale, con un codice alfanumerico di otto caratteri, venduto online allo stesso prezzo, che basterà copiare sulla busta.

Vedi anche:  nella Beauce, i coltivatori di cereali al momento della diversificazione

“Oggi i clienti hanno aspettative diverse”, spiega Philippe Dorge, i cui servizi hanno intervistato 22.000 clienti. “C’è meno bisogno di velocità. »

“Servizi postali turchese plus”

Per le spedizioni più grandi che richiedono tracciabilità, La Poste offrirà un “servizio turchese più lettera” distribuito su D+2, con notifiche di follow-up e compensazione forfettaria in caso di ritardo significativo. Sarà offerto a partire da 2,95€, a seconda del peso. Per quanto riguarda le spedizioni all’estero, una “lettera internazionale” fino a 20 grammi costerà 1,80 euro (+9%).

I prezzi dei pacchi postali convenzionali inviati in Francia (Colissimo) aumenteranno parallelamente del 2,4% dal 1 gennaio, ma l’invio di un pacco inferiore a 250 grammi rimarrà allo stesso prezzo di 4,95 €. “L’impatto della nuova tariffazione delle lettere sui bilanci delle famiglie sarà basso o addirittura nullo, visto il calo dei consumi postali”, assicura il gruppo pubblico.

Articolo precedentedimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi
Articolo successivoMuore a Hong Kong il panda più antico del mondo