La Repubblica Centrafricana, secondo Paese meno sviluppato al mondo secondo l’ONU, ha adottato bitcoin come valuta ufficiale insieme al franco CFA e ha legalizzato l’uso delle criptovalute, ha annunciato la presidenza mercoledì 27 aprile, assicurando che si tratta della prima paese per farlo in Africa.

L’Assemblea nazionale ha votato “all’unanimità” deputati presenti “legge che disciplina le criptovalute nella Repubblica Centrafricana” e il presidente Faustin Archange Touadéra l’ha promulgata, assicura in un comunicato il ministro di Stato e direttore di gabinetto della Presidenza, Obed Namsio, aggiungendo che la Repubblica Centrafricana è “il primo Paese africano ad adottare bitcoin come valuta di riferimento”.

precursore di El Salvador

Il 7 settembre 2021 El Salvador è stato il primo Paese al mondo ad adottare bitcoin come moneta a corso legale e il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha immediatamente denunciato una decisione pericolosa per il Paese. “stabilità finanziaria, integrità finanziaria e tutela dei consumatori”.

“Questo approccio pone la Repubblica Centrafricana sulla mappa dei Paesi più coraggiosi e visionari del mondo”ritiene invece la presidenza della Repubblica Centrafricana, Paese in guerra civile da quasi nove anni.

Vedi anche:  Tonga completamente tagliata fuori dal mondo dopo una doppia eruzione vulcanica

Articolo precedente“La politica di esportazione di armi del governo francese è irresponsabile”
Articolo successivoEssere felici sul lavoro, ideale o illusione?