La fine di un lungo calvario. L’ex marine statunitense Trevor Reed, condannato nel luglio 2020 a nove anni di carcere in Russia per violenze, è stato scambiato con Konstantin Yaroshenko, un pilota russo imprigionato negli Stati Uniti per traffico di cocaina, ha annunciato mercoledì 27 aprile la diplomazia russa.

→ RILEGGI. Chi sono i prigionieri scambiati da Kiev e Mosca?

“Dopo un lungo processo negoziale, Trevor Reed (…) è stato scambiato con il cittadino russo Konstantin Yaroshenko, condannato a 20 anni di carcere da un tribunale statunitense nel 2010”ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Colonia penale

Trevor Reed, un ex marine del Texas, è accusato di aver nel 2019, mentre era ubriaco, “Vita e salute in pericolo” di due agenti di polizia chiamati sulla scena di una festa a Mosca. Accuse che Washington considera fabbricate dal regime russo. L’uomo sulla trentina ha sempre smentito i fatti, denunciando un caso ” Politica “ in un contesto di relazioni tese tra Russia e Stati Uniti.

Vedi anche:  Roman R.: "A Kiev forse si sta preparando il peggio..."

Detenuto in una colonia penale in Mordovia, a 500 km da Mosca, Trevor Reed ha iniziato uno sciopero della fame nel novembre 2021 per protestare contro le sue condizioni di detenzione. Ha anche contratto la tubercolosi a causa del contatto con un altro detenuto malato.

Konstantin Yaroshenko è stato arrestato in Liberia nel 2010 da agenti dei servizi segreti statunitensi. Accusato di traffico di droga, è stato portato negli Stati Uniti dove la giustizia lo ha condannato a 20 anni di carcere.

“Decisioni difficili”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è impegnato a fare di tutto per liberare Trevor Reed e altri americani “detenuto ingiustamente” in Russia. L’ipotesi di uno scambio di prigionieri è stata regolarmente citata, soprattutto prima dell’incontro tra Joe Biden e Vladimir Poutine a Ginevra nel giugno 2021.

Vedi anche:  "Anche le ballerine dell'Opera di Kiev si sono arruolate..."

Il presidente degli Stati Uniti ha accolto con favore il suo rilascio, ma ha riconosciuto le dure trattative “Le trattative che ci hanno permesso di riportare a casa Trevor hanno richiesto decisioni difficili che non prendo alla leggera”ha dichiarato.

Articolo precedenteEssere felici sul lavoro, ideale o illusione?
Articolo successivoE a proposito, negli Stati Uniti, come sta andando l’ultimo mandato dei presidenti?