Il potere d’acquisto dei francesi, prima delle loro preoccupazioni, sta diminuendo nei supermercati. Secondo i dati pubblicati da INSEE venerdì 13 maggio, i prezzi dei prodotti di consumo nei supermercati sono aumentati dell’1,3% in un mese ad aprile. In un mese i prezzi sono aumentati dello 0,7% a marzo e dello 0,5% a febbraio.

→ DIBATTITO. Dobbiamo moltiplicare i controlli per sostenere il potere d’acquisto?

Si attesta all’1,3% anche l’aumento dei prezzi nell’extended retail, che comprende cioè minimarket e negozi locali. “Tutte le forme di vendita messe insieme, i prezzi dei beni di consumo sono aumentati dell’1,1% in un mese, dopo il +0,8% di marzo”specifica l’INSEE.

Aumento generale dei prezzi dei generi alimentari

Anche i prezzi su base annua stanno aumentando per il quinto mese consecutivo, con l’inflazione dei beni di largo consumo al dettaglio che ha raggiunto il 2,9% ad aprile 2022 rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Questo aumento aveva raggiunto l’1,6% in un anno a marzo.

Vedi anche:  Gli Stati Uniti aumentano la produzione di petrolio e gas per abbassare i prezzi

L’aumento dei prezzi dei prodotti venduti nei supermercati sta così al passo con l’inflazione generale, in costante aumento da diversi mesi. Ha raggiunto il 4,8% in un anno ad aprile, di cui +3,8% per i prezzi dei generi alimentari.

L’indice dei prezzi fornito dall’istituto di statistica mostra anche un aumento dei prodotti alimentari (esclusi i prodotti freschi) dell’1,3% su un mese ad aprile (+ 3,2% su un anno). Nel dettaglio, i prezzi della carne sono aumentati dell’1,5% tra marzo e aprile e del 2,3% in un anno. Anche i prodotti per l’igiene, il mantenimento e la bellezza sono in aumento di 1,2 punti percentuali su un mese (1,7% su un anno).

Vedi anche:  il dilemma degli europei di mantenere le proprie economie in tempo di guerra

Articolo precedenteItalia: accusata di sostenere Putin, le televisioni sotto inchiesta
Articolo successivoElon Musk annuncia la sospensione dell’acquisizione di Twitter