Home Mondo Macron-Le Pen, Capitol evacuato, Razzi in Israele: le 3 notizie della notte

Macron-Le Pen, Capitol evacuato, Razzi in Israele: le 3 notizie della notte

67
0

Reazioni politiche al dibattito Le Pen-Macron

Attacco alla riforma delle pensioni di Emmanuel Macron o alla credibilità internazionale di Marine Le Pen: mercoledì i luogotenenti dei due candidati hanno difeso i loro paladini durante il dibattito televisivo, mentre gli eletti della LFI hanno sottolineato “noia mortale” della sera e a “disordine”. Nel campo di Emmanuel Macron, il leader dei deputati LREM Christophe Castaner ha criticato Marine Le Pen per aver voluto ” lasciare l’europa con la sua proposta di alleanza europea delle nazioni. “Vogliamo continuare a costruire una Francia forte, in un’Europa forte”ha twittato.

Coloro che sono vicini a Marine Le Pen hanno bocciato la proposta di Emmanuel Macron di riportare l’età pensionabile legale a 64 o 65 anni. Secondo Louis Aliot, vicepresidente della RN, questa misura “Significa più infortuni sul lavoro, più malattie professionali, quindi più spese e dipendenze da aspettarsi per i nostri connazionali. Rotto e rovinato, ecco come piacciono i francesi a Macron”ha lanciato su Twitter. “Marine Le Pen è nella vita reale, Macron è nel cosmo di McKinsey”ha detto il portavoce del Raduno Nazionale Julien Odoul.

LEGGI ANCHE:Macron-Le Pen: un dibattito che non cambia nulla

Arrivato terzo alle elezioni presidenziali, il ribelle Jean-Luc Mélenchon si è pentito durante questo dibattito tra due turni a “disordine” : “Il Paese meritava di meglio. Non vedo l’ora del terzo round »ha reagito su Twitter, riferendosi al suo appello agli elettori affinché gli dessero la maggioranza alle elezioni legislative in modo che possa essere ” Primo ministro “ di convivenza. L’eurodeputata EELV Karima Delli ha criticato i due candidati per essere “fuori terra” sull’ecologia, mentre Sandrine Rousseau ha attaccato il “candidato di estrema destra” Marine Le Pen. Alla fine, il capo dei deputati di LR Damien Abad ha visto “una netta differenza di livello e di valori” tra i due, ribadendo che domenica voterà Emmanuel Macron.

Vedi anche:  Nel Sahel, un periodo post-Barkhane carico di incertezze per l'intera regione

Un innocuo aereo innesca l’evacuazione del Campidoglio a Washington

La polizia statunitense ha evacuato il Campidoglio a Washington mercoledì dopo aver ritenuto una minaccia un aereo innocuo che partecipava a un evento sportivo, un pasticcio che ha fatto arrabbiare la potente leader del Congresso Nancy Pelosi. “Evacuare il Campidoglio degli Stati Uniti” : la preoccupante allerta per una potenziale minaccia aerea, emessa intorno alle 18:30 ora locale, è stata revocata meno di venti minuti dopo.

La polizia, che ha giustificato l’evacuazione con a “precauzione cautelativa”promesso “ulteriori informazioni in arrivo”. A più di due ore dall’avvertimento iniziale, non avevano ancora fornito una motivazione ufficiale. Ma un problema di comunicazione semplice e imbarazzante sembra essere la causa del falso allarme. In effetti, la minaccia segnalata erano in realtà solo paracadutisti dell’esercito americano, scesi da un aereo per prendere parte a uno spettacolo pre-partita allo stadio di baseball, situato a meno di 2 chilometri dal Campidoglio.

LEGGI ANCHE:Intrusione in Campidoglio: Waterloo di Donald Trump

“Il fatto che la US Aviation Authority apparentemente non abbia notificato alla polizia del Campidoglio il previsto sorvolo del Nationals Stadium è oltraggioso e imperdonabile”ha infastidito la Presidente della Camera dei Deputati, Nancy Pelosi, in un feroce comunicato stampa. “L’inutile panico causato da questa apparente negligenza è stato particolarmente dannoso per i funzionari eletti, il personale e i dipendenti istituzionali, ancora segnati dal trauma dell’attacco al loro posto di lavoro il 6 gennaio”ha continuato, riferendosi all’assalto al Campidoglio all’inizio del 2021 da parte dei sostenitori di Donald Trump.

Vedi anche:  Covid-19, l'Inghilterra affronta l'onda Omicron

Salvo di razzi verso Israele, attacchi aerei su Gaza

Giovedì gruppi armati palestinesi hanno lanciato una salva di razzi dalla Striscia di Gaza in Israele che hanno effettuato una serie di attacchi nel territorio sotto il controllo degli islamisti Hamas, sollevando i timori di una nuova escalation militare tra le tensioni legate ai luoghi santi di Gerusalemme. Mercoledì sera un razzo, il secondo di questa settimana, è stato lanciato dalla Striscia di Gaza per cadere in un campo nella città israeliana di Sderot (sud) senza causare feriti.

Nel processo, l’esercito israeliano ha effettuato una serie di attacchi al centro di questo microterritorio di 2,3 milioni di abitanti, secondo testimoni e fonti della sicurezza. Tuttavia, poco dopo questi attacchi di rappresaglia, altri quattro razzi sono stati lanciati contro Israele, dove sono stati intercettati dallo scudo missilistico. “Cupola di ferro”ha detto l’esercito mentre le sirene d’allarme suonavano nel cuore della notte nelle località israeliane vicine alla Striscia di Gaza.

LEGGI ANCHE:Israele: un futuro muro “antiterrorista” in Cisgiordania crea polemiche… anche tra i coloni

Gli scontri a fuoco – il secondo questa settimana e tra i più intensi dalla fine degli 11 giorni di guerra tra Israele e Hamas nel maggio 2021 – arrivano dopo gli scontri nel fine settimana tra manifestanti palestinesi e polizia israeliana sull’Esplanade of the Mosques of Gerusalemme, il terzo sito più sacro dell’Islam e il primo sito più sacro dell’ebraismo sotto il nome di Monte del Tempio.

Articolo precedentePanico al Campidoglio di Washington, sorvolato da un aereo innocuo
Articolo successivoMariupol vicino all’autunno, civili uccisi che mostravano segni di tortura vicino a Kiev