Un piccolo gruppo di dipendenti motivati ​​ha fallito una delle più grandi multinazionali. I lavoratori di un magazzino Amazon a New York hanno votato a stragrande maggioranza a favore della formazione di un sindacato, il primo negli Stati Uniti.

Un totale di 8.325 lavoratori nel magazzino JFK8 nel quartiere di Staten Island di una grande area industriale erano nell’elenco degli elettori. Chiamati a votare dal 25 al 30 marzo in una tenda allestita davanti al magazzino, 4.852 dipendenti hanno infilato nell’urna una scheda elettorale. Secondo un conteggio trasmesso online, 2.654 dipendenti hanno spuntato ” Sì “ essere rappresentato dall’organizzazione indipendente Amazon Labour Union (ALU) creata quasi un anno fa, contro 2.131 votanti ” no “.

“Bassa possibilità di vincita”

Amazon, uno dei maggiori datori di lavoro negli Stati Uniti, è riuscita finora a respingere i desideri dei dipendenti che desiderano riorganizzarsi nel Paese. “IOAvevano così poche possibilità di vincere”, osserva Rebecca Givan, specialista in movimenti sindacali alla Rutgers University, che non era molto ottimista all’avvicinarsi delle elezioni. L’attuale legge sui sindacati è particolarmente favorevole ai datori di lavoro.

Vedi anche:  Videogiochi: Activision-Blizzard acquisita da Microsoft per quasi 69 miliardi di dollari

→ RILEGGI. L’Unione Europea accetta di supervisionare più da vicino i giganti digitali

Quando sono stati annunciati i risultati, sono risuonati gli applausi tra la piccola folla raccolta per l’occasione ai piedi dell’edificio nel quartiere di Brooklyn dove si è svolto lo spoglio. Il nome dell’unione, ALU, viene cantato più volte. Il suo presidente Christian Smalls stappa una bottiglia di champagne: “La gente ha parlato oggi, vuole un’unione”, Egli ha detto. Poco dopo, davanti alla stampa, ha ironicamente ringraziato il capo di Amazon Jeff Bezos per essere andato nello spazio, “perché mentre lui era lassù, abbiamo potuto creare un sindacato”.

→ ANALISI. Negli Stati Uniti Joe Biden rilancia la tassazione dei super ricchi

Vedi anche:  Le nuove ambizioni di Paprec

In declino da diversi decenni, i sindacati hanno ottenuto negli ultimi mesi diverse vittorie simboliche negli Stati Uniti, a cominciare dall’esplicito sostegno del presidente americano Joe Biden. Ha anche salutato la vittoria del sindacato ALU, dicendo ” felice “ che i dipendenti possono “essere ascoltato”.

Articolo precedenteL’Onu annuncia una tregua di due mesi e l’avvio dei colloqui
Articolo successivoInizio del micidiale Ramadan in Cisgiordania