Negli ultimi quindici anni, gli Stati americani che ancora applicano la pena capitale hanno dovuto affrontare un problema logistico: i produttori si sono rifiutati di vendere loro prodotti utilizzati per l’iniezione letale, il metodo più diffuso per uccidere legalmente le persone. Ciò che spinge i governatori a tornare a metodi d’altri tempi, come la sedia elettrica o il plotone di esecuzione in South Carolina.

Reprieve per Richard Moore, condannato nel 2001

Quando le persone vengono condannate alla pena di morte, ci sono molti modi per consentire ai detenuti nel braccio della morte di far valere i propri diritti. Robert Moore, 57 anni, condannato nel 2001 per l’omicidio, durante una rapina, di un impiegato di un minimarket due anni prima, è giunto al termine del suo corso legale.

La sua esecuzione, la prima dal 2011 nella Carolina del Sud, era prevista per il 29 aprile, ma la Corte Suprema dello stato l’ha sospesa “temporaneamente” mercoledì 20 aprile, riconoscendo, senza ulteriori dettagli, la pertinenza delle argomentazioni avanzate dai legali dell’imputato.

→ ANALISI. Pena di morte negli Stati Uniti: perché l’Arizona sta cercando di riabilitare il gas Zyklon B?

Giudice dei difensori di Robert Moore crudele e insolito » le modalità utilizzate dallo Stato la sedia elettrica e il plotone di esecuzione. Tuttavia, l’ottavo emendamento della costituzione americana lo vieta espressamente “punizione crudele e insolita”.“Accettiamo questa richiesta e sospendiamo temporaneamente l’esecuzione dell’imputato”, disse la Suprema Corte, promettendo presto a “ordinanza che definisce i dettagli di tale sospensione”.

La morte per iniezione sempre più contestata

Dalla fine degli anni ’90, la pena capitale è stata praticata solo per iniezione letale, con rare eccezioni. Tuttavia, ora è molto contestato dopo una serie di fallimenti. Nel 2006, il calvario di Joseph Clark è durato non meno di novanta minuti, essendo la squadra di esecuzione che ha avuto la maggiore difficoltà nell’effettuare l’iniezione endovenosa.

Vedi anche:  come aiutare i civili dalla Francia?

Da allora, molte aziende farmaceutiche hanno rifiutato di consentire che i loro prodotti venissero utilizzati per uccidere. L’iniezione letale consiste generalmente nella somministrazione successiva di tre elementi: il primo anestesia, il secondo paralizza ed il terzo provoca arresto cardiaco. Secondo i suoi oppositori, se il primo prodotto viene somministrato in modo errato e il condannato rimane cosciente, le due fasi successive sono estremamente dolorose.

→ RILEGGI. I laboratori farmaceutici si sono mobilitati contro le esecuzioni dei condannati a morte negli Stati Uniti

La Carolina del Sud, ad esempio, non ha prodotti dal 2013. Questo ha spinto il governatore l’anno scorso ad approvare una legge che offre l’alternativa del plotone di esecuzione o della sedia elettrica: “metodi che quasi tutte le giurisdizioni americane hanno abbandonato”secondo gli avvocati di Richard Moore.

Vedi anche:  Pechino 2022: la minaccia del virus incombe sugli iscritti alle Olimpiadi invernali

L’elettrocuzione non è stata utilizzata nella Carolina del Sud dal 2008. Per quanto riguarda il plotone di esecuzione, è stato utilizzato solo tre volte nel paese dal 1976, quando la Corte Suprema ha ripristinato la pena capitale.

Declino della pena di morte negli Stati Uniti

La tregua di Richard Moore arriva durante il declino della pena capitale negli Stati Uniti. Undici persone sono state messe a morte nel 2021, rispetto alle 43 del 2011 e alle 65 di dieci anni prima. Stessa osservazione per le condanne: 18 lo scorso anno, contro le 85 del 2011 e le 153 del 2001.

Questo sviluppo è dovuto in particolare ai crescenti dubbi sulla giustizia americana (ogni anno vengono scagionati quasi quattro condannati a morte), alle domande sulle modalità di esecuzione, ma anche alla questione del costo, che paradossalmente è molto più alto per la pena capitale (più possibilità di ricorso, condizioni speciali di detenzione nel braccio della morte, ecc.) a quella di tutte le altre condanne.

Se, ogni anno, nuovi Stati del Paese si uniscono al campo abolizionista, la pena di morte rimane in poco più della metà di essi – 27 su 50 –, principalmente nel Sud (Texas, Tennessee, Louisiana, Mississippi, ecc.) e in l’Occidente (California, Utah, Arizona, ecc.).

Articolo precedenteAzovstal, simbolo della volontà di ferro dei difensori di Mariupol
Articolo successivoil duello Le Pen-Macron intrighi e domande a Mosca