lunedì, Settembre 26, 2022
Home Mondo Nigeria: 21 persone uccise nell’attacco a una chiesa nel sud-ovest del Paese

Nigeria: 21 persone uccise nell’attacco a una chiesa nel sud-ovest del Paese

65
0

Questo è il primo rapporto annunciato dalle autorità locali: 21 persone, tra cui bambini, sono morte nell’attacco a una chiesa cattolica durante la messa da parte di uomini armati questa domenica, 5 giugno, nel sud-ovest della Nigeria. “Esplose dinamite in chiesa (…) gli aggressori non sono nemmeno entrati in chiesa, hanno sparato dalle finestre”ha detto all’AFP il portavoce del governatore dello stato di Ondo, Richard Olatunde.

Questo attacco, denunciato come a “efferato omicidio di fedeli” del presidente Muhammadu Buhari e che non è stato rivendicato, secondo le autorità ha anche causato diversi feriti. Si è esibita durante il servizio mattutino presso la chiesa cattolica di San Francesco nella città di Owo, nello stato di Ondo, solitamente risparmiata dai jihadisti e dalle bande criminali attive in altre parti del paese. Le autorità locali hanno affermato che le forze di sicurezza sono state mobilitate per trovare gli aggressori, la cui identità non è nota.

Vedi anche:  Fine dell'operazione Barkhane e G5 Sahel: dal Mali al peggio

Il sostegno di papa Francesco

Domenica pomeriggio papa Francesco ha reagito in un comunicato stampa affermando “di aver appreso dell’attacco (avvenuto) nella chiesa di Ondo, in Nigeria, e della morte di decine di fedeli, tra cui molti bambini, durante la celebrazione della Pentecoste”. “Mentre si chiariscono i dettagli dell’accaduto, papa Francesco prega per le vittime e per il Paese, dolorosamente colpito in un momento di festa, e le affida al Signore, perché mandi il suo Spirito a confortarle.Ha aggiunto.

L’attacco è arrivato alla vigilia del lancio da parte dell’APC (il Congresso dei progressisti), il partito al governo, delle primarie per le elezioni presidenziali del 2023 per scegliere il proprio candidato. Il presidente Muhammadu Buhari, ex generale dell’esercito, terminerà il suo secondo mandato il prossimo febbraio, come previsto dalla Costituzione. La sicurezza rimane una sfida importante nel paese più popoloso dell’Africa e nella più grande economia del continente.

Vedi anche:  L'Ungheria di Orban, sempre più allineata con Mosca

LEGGI ANCHE:Bello: un prete aggredito con un coltello da un uomo sbilanciato che voleva “uccidere Macron”

Gli attacchi ai siti religiosi sono particolarmente sensibili in Nigeria, dove a volte divampano le tensioni tra le comunità di un Paese il cui nord è prevalentemente cristiano e il nord è prevalentemente musulmano. Questo tipo di attacco, tuttavia, è raro nel sud-ovest relativamente pacifico del paese.

Articolo precedentenella ristorazione o nei trasporti, stufo di orari scaglionati
Articolo successivoTeheran si avvicina alla bomba