C’è aria di deja vu. Cinque anni dopo la fine del mandato del fratello maggiore Nawaz, Shehbaz Sharif è stato eletto lunedì 11 aprile nuovo Primo Ministro del Pakistan. Durante la votazione anche il presidente dell’Assemblea ha commesso un lapsus rivelatore: ha fatto il nome di Nawaz, prima di scusarsi e correggere l’errore. Perché in Pakistan la politica è un affare di famiglia.

→ LEGGI. In Pakistan inizia la parte più difficile per il nuovo Primo Ministro Shehbaz Sharif

Il clan Sharif è potente e ha la sua base nella regione del Punjab, la più popolosa del paese. Nato a Lahore nel 1950, Shehbaz Sharif è uno degli eredi di un’impresa familiare leader nel settore edile. Dopo essere stato eletto membro del Parlamento per il Punjab nel 1988, è diventato tre volte primo ministro della regione. Dopo il colpo di stato del generale Pervez Musharraf nel 1999, Nawaz Sharif, allora Primo Ministro, e suo fratello Shehbaz hanno dovuto lasciare il Paese. Dopo otto anni di esilio, quest’ultimo tornò in Pakistan e tornò alla vita politica. Nel 2018 ha provato a candidarsi come primo ministro, ma ha perso contro Imran Khan.

I dipendenti pubblici sono aumentati in cambio di straordinari

Da allora, Shehbaz Sharif ha ricoperto il ruolo di leader dell’opposizione come leader del partito PML-N, la Lega musulmana pakistana. Anche il nome del movimento evoca la dinastia della famiglia, la “N” riferendosi a Nawaz. Oltre alla loro popolarità, sono anche noti per essere coinvolti in casi di corruzione. Nawaz è in esilio nel Regno Unito, ufficialmente per motivi medici ma anche per sfuggire a una pena detentiva. Shehbaz è in attesa di processo in un caso di riciclaggio di denaro.

Vedi anche:  le vittime minori di stupro potranno abortire

ANALISI. In Pakistan, la caduta del primo ministro Imran Khan, si è arrampicato con l’esercito

Shehbaz Sharif è comunque noto per essere un maniaco del lavoro. Dal suo discorso di inaugurazione ha annunciato l’aumento del salario minimo, l’abbassamento del prezzo della farina durante il Ramadan e il consolidamento delle relazioni con Cina, Stati Uniti o Regno Unito.

Ha anche affrontato la questione dei prezzi del carburante, una delle principali preoccupazioni per i pakistani che viaggiano molto in motocicletta. Ha aumentato del 10% lo stipendio dei dipendenti pubblici con le controparti: le settimane lavorative nel governo vengono portate a 6 giorni e la giornata inizierà alle 8 del mattino anziché alle 10.

Imran Khan “il più pericoloso” al di fuori del governo

Ma la prima prova del neoeletto sarà la formazione di un governo di coalizione. “Lunedì ha prestato giuramento e, per il momento, non abbiamo ancora i dettagli del suo gabinetto. Sorprende perché dall’inizio dell’anno ci è stato detto che c’erano trattative tra i partiti di opposizione”spiega Arifa Noor, giornalista pachistana.

Vedi anche:  a Zhytomyr, la statua di Pushkin disturba

Si dice che il Partito popolare pakistano (PPP), un alleato del PML-N, voglia elezioni il prima possibile piuttosto che formare un governo. Con un’economia molto indebolita e un’inflazione ai massimi livelli, di cui il secondo partito di opposizione non vorrebbe essere ritenuto responsabile.

L’altra sfida di Shehbaz Sharif sarà contrastare la resistenza del suo predecessore estromesso Imran Khan, che continua a denunciare il suo licenziamento il 10 aprile come complotto americano. “I partiti in Pakistan non hanno burocrazia, nessuna regola per la successione alla leadership, si tratta solo di personalità”, spiega Arifa Noor.

Mentre la famiglia Sharif ha le sue radici nel Punjab, la personalità di Imran Khan brilla attraverso la classe media. Dopo il suo licenziamento, migliaia di persone si sono radunate in molte città per protestare. Khan ha avvertito: “Non ero pericoloso quando ero al governo, ma lo sarò molto di più adesso. »

Le elezioni dovrebbero tenersi entro l’estate 2023, il che lascerà il Pakistan nell’instabilità politica a quel punto. Nel frattempo, il clan Sharif continua a seguire il suo destino. Il figlio del Primo Ministro è già in corsa per la carica di Primo Ministro del Punjab. Come suo padre venticinque anni fa.

Articolo precedentequale comunicazione di crisi per le aziende?
Articolo successivoIsraele: “Muro di luce”, un’arma “unica al mondo” che sarà presto schierata vicino alla Striscia di Gaza