martedì, Maggio 17, 2022
Home Mondo Piloti arrabbiati, Olanda al capezzale di Hidalgo: gli appuntamenti della settimana

Piloti arrabbiati, Olanda al capezzale di Hidalgo: gli appuntamenti della settimana

40
0

Lunedì 21 marzo: camionisti bloccano l’A1

Camionisti e vettori organizzano un’operazione di blocco del Regional Transport Centre (CRT) di Lesquin (Nord) – un centro logistico – e delle strade circostanti, compresa la A1, verso Parigi e Valenciennes. Nel bel mezzo della crisi del carburante, intendono denunciare l’esplosione dei prezzi che li colpisce pesantemente, poiché i loro serbatoi raggiungono generalmente i 500 litri. Questa iniziativa potrebbe causare gravi disagi, soprattutto intorno alla capitale.

Martedì 22 marzo: Olanda al capezzale di Hidalgo a Limoges

La candidata presidenziale socialista, Anne Hidalgo, terrà un incontro martedì 22 marzo a Limoges, nell’Alta Vienne. Dovrebbe essere sostenuta dall’ex presidente François Hollande che l’accompagnerà. Il sindaco di Parigi è attualmente accreditato con l’1,5% dei voti, secondo l’ultimo sondaggio di Elabe BFM TV. Coincidenza del calendario: Il mondo poi oggiurnal ha recentemente rivelato come l’ex capo di stato si stesse preparando, in segreto, da mesi, a candidarsi… al posto di Anne Hidalgo.

Martedì 22 marzo: il verdetto del processo Navalny

In Russia, Alexei Navalny sarà processato martedì per corruzione, frode e reato in tribunale (per una delle sue precedenti udienze). Il pubblico ministero Nadezhda Tikhonova ha chiesto una pena detentiva di 13 anni, mentre l’avversario di Vladimir Putin sta già scontando una condanna a 2,5 anni. È stata anche chiesta una multa di 1,2 milioni di rubli (10.000 euro). Gli investigatori affermano che Navalny ha sottratto milioni di rubli in donazioni che normalmente venivano concesse alle sue organizzazioni anticorruzione.

Vedi anche:  Romania, un leale avamposto della NATO sul fianco orientale degli abbonati

Martedì 22 marzo: Jean-Claude Gaudin in tribunale

Jean-Claude Gaudin, ex sindaco di Marsiglia dal 1995 al 2020, e sei dei suoi parenti devono essere processati previa ammissione di colpa nel caso degli straordinari al municipio. Per quattro anni, la Procura nazionale delle finanze (PNF) ha indagato sulla concessione di straordinari retribuiti ad alcuni funzionari del municipio, quando non erano stati eseguiti. Esempio: gli autisti dei funzionari eletti hanno lavorato una settimana per due settimane di riposo. Ma non hanno mai avuto una vacanza. Ogni mese veniva loro accumulato un importo fisso di straordinari. Jean-Claude Gaudin e gli altri sei imputati rischiano fino a un anno di carcere e una multa di 15mila euro.

LEGGI ANCHE:A Marsiglia, Jean-Claude Gaudin si è occupato della gestione delle risorse umane

Mercoledì 23 marzo: al cinema, Audrey Lamy, mensa per giovani migranti

Le questioni sociali sono al centro dei film di Louis-Julien Petit. Nel 2019 aveva già realizzato Gli Invisibili sulle donne senza fissa dimora e le difficoltà del reinserimento. Quest’anno, con Squadra, il regista si concentra sul personaggio di Cathy, interpretata da Audrey Lamy. Questa giovane donna, che sogna di avere un ristorante tutto suo, si ritrova per caso la vita in mensa per i giovani migranti… Cathy dovrà confrontarsi con il problema dei minori stranieri che, se non trovano formazione prima dei 18 anni, semplicemente rischiare l’espulsione. Nel cast c’è anche François Cluzet.

Vedi anche:  Le Filippine vietano i matrimoni precoci

Mercoledì 23 marzo: un Kerouac senza precedenti

Prima Sulla strada (1957), Jack Kerouac ha scritto (ma non completato) L’oceano è mio fratello nel 1942. È il suo primo romanzo ed esce per la prima volta in Francia. Il lettore apprezzerà senza dubbio l’eroe Wesley Martin, un giovane marinaio solitario ed enigmatico che si sente “ un amore unico e strano verso l’oceano. Con l’intellettuale Bill Everhart, il duo si imbarcherà nella marina mercantile, in rotta verso la Groenlandia. Si beve, si ride, si gioca a carte, ci si interroga sull’immensità e la finitezza dell’esistenza e sui mezzi per sottrarsi alle catene della società. Kerouac, insomma, tutto sputato, libero, taciturno e spirituale, che non vediamo l’ora di scoprire.

Articolo precedenteuna siccità invernale che prepara un’estate molto secca
Articolo successivoLe autorità australiane lanciano l’allarme