I sussidi didattici saranno estesi “almeno fino a fine anno”ha annunciato martedì 24 maggio il ministro del Lavoro, Olivier Dussopt, su RTL.

→ ANALISI. Questi giovani che in nome dei loro valori voltano le spalle alle grandi aziende

Il premio previsto dal piano “1 giovane, 1 soluzione” arriva a 5.000 euro per un minorenne, 8.000 euro per un adulto e fa quasi azzerare il costo del primo anno per l’azienda. È già stato rinnovato più volte e doveva scadere il 30 giugno 2022.

Obiettivo 1 milione di contratti di apprendistato

Questi aiuti saranno estesi «almeno fino alla fine dell’anno. Poi, dipenderà dalla legge finanziaria per il 2023, visto che l’ex ministro del bilancio che sono può ricordare che l’aiuto si vota anno per anno nei bilanci”, ha spiegato Olivier Dussopt.

→ LEGGI. Più istruiti, i giovani trovano lavoro più facilmente di prima

Grazie in particolare a questi bonus, l’apprendistato ha conosciuto una forte crescita con 718.000 contratti firmati nel 2021. Un aumento del 37% dopo un balzo del 42% nel 2020. Il governo si è posto l’obiettivo di portare questa cifra a 1 milione di contratti firmati ciascuno anno. “Per raggiungere 1 milione, dobbiamo estendere i sussidi didattici”, insistette il ministro.

Vedi anche:  com'è situata la Francia in Europa?

Indicizzazione delle pensioni di base all’inflazione

Il ministro ha anche indicato che l’obiettivo del governo era quello di applicare l’indicizzazione delle pensioni all’inflazione dall’inizio di agosto. “Non appena la maggioranza presidenziale sarà presente in Assemblea, subito dopo le elezioni legislative, (…) all’Assemblea Nazionale e al Senato sarà sequestrato un testo sul potere d’acquisto, che consentirà di indicizzare le pensioni di anzianità del regime generale”, Egli ha detto.

“Vorremmo che questa indicizzazione all’inflazione fosse valida per le pensioni a luglio. Secondo il regime generale, la pensione per il mese di luglio viene corrisposta il 9 agosto, ha specificato. Il nostro obiettivo è che l’indicizzazione entri in vigore in questa data”, ha detto, chiarendo che si trattava solo della pensione di base. Emmanuel Macron aveva annunciato durante la campagna presidenziale un’eccezionale rivalutazione delle pensioni di base al 1ehm Luglio.

Vedi anche:  Italia: la ripresa richiede anche la lotta alla mafia

→ LEGGI ANCHE. Presidenziali 2022: una riforma delle pensioni, per cosa?

“Quando parlo di indicizzazione, se teniamo conto dell’inflazione al 4% e pensiamo a una pensione a 1.200 euro, è un guadagno di 45 euro al mese, non è trascurabile” , ha ulteriormente sottolineato.

Olivier Dussopt ha anche abbozzato un calendario per la riforma delle pensioni, uno dei punti chiave del programma presidenziale di Emmanuel Macron. “Penso che si possa iniziare a settembre, ottobre, con un calendario che tenga conto della consultazione, della negoziazione, della formalizzazione degli accordi”, avanzò.

Articolo precedenteil Donbass ha martellato, pesanti perdite per l’esercito russo
Articolo successivoIl gruppo Yves Rocher, un’azienda con una missione… in Russia