Emmanuel Macron ha proposto il 17 marzo di mettere “al posto di meccanismi di leasing per sostenere le famiglie più modeste per consentire il passaggio dei loro veicoli”. Questa idea riecheggia quella di Anne Hidalgo, che aveva immaginato a “locazione sociale” consentendo di noleggiare un veicolo elettrico al prezzo di uno termico in modo da facilitare la transizione energetica.

→ ANALISI. Il candidato presidente, Emmanuel Macron fa parte della continuità

Come spiegato dal Ministero dell’Economia, il leasing è un canone con opzione di riscatto. Si tratta di una forma di credito al consumo che dà accesso a un bene in cambio del pagamento dell’affitto. Al termine del contratto è possibile acquistare l’immobile in oggetto. Una struttura già ampiamente utilizzata per l’acquisto di auto o scooter.

Una soluzione per risparmiare carburante

L’idea è quella di utilizzare il leasing come facilitatore della transizione energetica, consentendo ai francesi di dotarsi di veicoli elettrici, ancora molto costosi da acquistare, a una cifra abbordabile.

Vedi anche:  Il programma nucleare di Emmanuel Macron in questione

→ I FATTI. Guidare più lentamente per fare a meno del petrolio russo

Per il momento non si conoscono ancora i contorni precisi del provvedimento proposto da Emmanuel Macron. Lo Stato potrebbe sostenere parte del costo del noleggio o fungere da intermediario tra automobilisti e costruttori.

L’accelerazione del passaggio all’elettrico risponde a un duplice obiettivo: ridurre le emissioni di CO2 ma anche il conto per gli automobilisti mentre il prezzo del carburante ha superato per la prima volta nella storia i 2 euro al litro di media su tutto il territorio nazionale.

Pagamenti mensili bassi ma prezzo finale più alto

Il leasing è generalmente impostato per un periodo che va dai 24 ai 72 mesi. Si differenzia dal noleggio a lungo termine per la possibilità di acquisto: se il veicolo costa 11.000 euro e sono già stati pagati 5.000 euro, al locatario restano solo 6.000 euro da pagare.

Vedi anche:  UFC-Que Choisir crea il suo indice per valutare l'inflazione

Il noleggio a lungo termine, a differenza del leasing, a volte può includere anche la manutenzione e la riparazione del veicolo. Il Ministero dell’Economia consiglia ai consumatori di confrontare le due opzioni per determinare quale sia più vantaggiosa.

Più flessibilità, ma anche più vincoli

Il leasing consente al consumatore di acquistare un veicolo più recente e di cambiarlo regolarmente in modo che si adatti alle sue esigenze. Si tratta di un’offerta flessibile ma che può rivelarsi restrittiva: alcuni contratti prevedono un limite di chilometri, il cui superamento comporta il pagamento di un indennizzo. Inoltre, il veicolo non può essere modificato, ed il suo furto o distruzione non comporta la fine del pagamento del canone di locazione.

Articolo precedenteLancio missilistico russo all’aeroporto di Leopoli, Biden avverte la Cina
Articolo successivoEkho Moskvy, una radio gratuita in modalità sopravvivenza