lunedì, Settembre 26, 2022
Home Mondo Questi prigionieri russi del Donbass sono stati dimenticati da Mosca in Ucraina

Questi prigionieri russi del Donbass sono stati dimenticati da Mosca in Ucraina

38
0

Hanno solo un pezzetto di cielo per loro, tra il filo spinato e le pareti grigie. Il resto, i prigionieri russi se ne andarono all’ingresso del campo. L’azzurro lassù, quando l’azzurro quaggiù è quello delle divise spente e ruvide. Nel cortile i prigionieri segano pezzi di legno, altri assemblano pacchi regalo fucsia. La loro pelle è abbronzata dal sole, le loro unghie sono sporche, ma non sembrano troppo sottili: la cena è esattamente di 273 g di stufato, 250 g di pane e tè. La loro giornata inizia alle 6.30 e termina alle 22, dopo otto ore di lavoro, a cui si aggiungono un’ora in chiesa e un’altra dedicata alla“attività fisica e intellettuale”. Nel loro dormitorio, al primo piano, c’è un acchiappamosche al centro della stanza. Impigliati nella colla, gli insetti muoiono lentamente. Attraverso la finestra, dall’altra parte delle alte mura, si estende una pianura un po’ giallastra. Una pianura simile a tutte quelle che si possono trovare in Ucraina. E che questi prigionieri conoscevano anche in Russia.

Vedi anche:  La Corea del Nord riafferma il suo status di potenza nucleare

LEGGI ANCHE: Riprendere il Donbass? O distruggere lo stato ucraino? Cosa farà adesso Putin?

Articolo precedentel’azione delle forze di sicurezza criticata dai difensori dei diritti umani
Articolo successivolo stipendio del futuro capo in questione