► A Mariupol continua l’evacuazione degli ucraini dall’Azovstal

L’operazione di“evacuazione” degli ultimi soldati ucraini trincerati ad Azovstal, nella città strategica di Mariupol, continua mercoledì, l’84° giorno dell’invasione russa dell’Ucraina, secondo Kiev. Mosca ha annunciato in mattinata che 959 soldati ucraini si erano arresi. L’Ucraina aveva assicurato la scorsa settimana che più di 1.000 soldati ucraini, di cui 600 feriti, si trovavano nel complesso siderurgico.

→ RILEGGI. Guerra in Ucraina, giorno 83: la Francia intensificherà le consegne di armi, Zelensky si rivolge al Festival di Cannes

“Questi eroi ucraini” chi ha “realizzato la loro missione” sarà scambiato con prigionieri russi per consentire loro di tornare a casa ” quanto prima “, ha affermato il Ministero della Difesa ucraino. L’operazione di evacuazione, di cui Volodymyr Zelensky ha discusso al telefono con il presidente francese Emmanuel Macron martedì, “è supervisionato dai nostri militari e dai nostri servizi di intelligence” e coinvolge “i mediatori internazionali più influenti”Ha aggiunto.

► Offensiva russa nel Donbass

Secondo il ministro della Difesa ucraino Oleksiï Reznikov, intervenuto martedì davanti ai ministri della Difesa dell’Unione europea e al segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, “i principali sforzi del Cremlino si concentrano sui tentativi di accerchiare e distruggere il consolidamento delle forze armate ucraine nelle regioni di Donetsk e Luhansk” (est), in parte nelle mani dei separatisti filo-russi.

→ RELAZIONE. Ucraina: Rivne accoglie le imprese in fuga dalla guerra

Nella regione di Lugansk, le forze russe stanno cercando di sfondare vicino a Popasna e in direzione di Severodonetsk, una delle principali città della regione sotto il controllo ucraino, ha indicato il suo governatore Serguiï Gaïdaï, riferendo su “l’intensificazione dei bombardamenti sulla popolazione civile”.

Per sostenere questa offensiva, l’esercito russo si è notevolmente mobilitato “fino a quindici elicotteri”ha osservato mercoledì lo stato maggiore ucraino, aggiungendo che, vicino a Zaporizhia, “il nemico si rafforza” le sue truppe “condurre un’offensiva in direzione di Polohy – Orikhiv”.

► Apertura del primo processo per crimini di guerra

Quasi tre mesi dopo l’inizio dell’invasione russa, il 24 febbraio un soldato russo, accusato di aver ucciso un civile disarmato, è comparso mercoledì davanti alla giustizia ucraina per un crimine di guerra, il primo dallo scoppio del conflitto. Questo processo sarà un test per il sistema giudiziario ucraino, poiché le istituzioni internazionali conducono le proprie indagini sugli abusi commessi dalle truppe russe in questo paese.

Vedi anche:  Mosca prende il controllo degli asset Renault in Russia

All’Aia, il procuratore della Corte penale internazionale, Karim Khan, ha annunciato l’invio in Ucraina di una squadra di 42 tra investigatori ed esperti, la più grande missione in termini di personale mai inviata sul campo, per fare luce sui crimini commessi durante l’invasione russa. Gli Stati Uniti hanno annunciato martedì la creazione di a “Osservatorio sui conflitti” per “raccogliere, analizzare e condividere ampiamente le prove dei crimini di guerra” dalla Russia all’Ucraina.

► Zelensky al Festival di Cannes

La Svezia e la Finlandia hanno presentato ufficialmente le loro candidature alla NATO mercoledì, dopo decenni di non allineamento militare. Il parlamento finlandese aveva aperto la strada a questa candidatura martedì con un voto massiccio, sulla scia dell’annuncio ufficiale del giorno prima da parte della stessa Svezia.

Vedi anche:  Di fronte allo sciopero ferroviario nel Regno Unito, destra e sinistra si incolpano a vicenda

L’ostacolo principale sembra provenire dall’interno dell’alleanza: la Turchia, la cui ratifica è imperativa come quella di ciascuno dei 30 membri della Nato, ha ribadito la propria ostilità all’ingresso di Svezia e Finlandia.

→ ANALISI. Difesa: l’Europa esamina le sue carenze strategiche

Il ministro della Difesa Oleksiy Reznikov ha anche chiesto agli alleati occidentali dell’Ucraina un maggiore coordinamento nelle consegne di armi a Kiev. La Francia intensificherà le consegne di armi all’Ucraina “nei giorni e nelle settimane a venire”ha promesso il presidente Emmanuel Macron al suo omologo Volodymyr Zelensky.

Quest’ultimo è intervenuto in un videomessaggio durante il gala di apertura del Festival di Cannes. “Serve un nuovo Chaplin che dimostri che il cinema non è muto” di fronte alla guerra in Ucraina, ha lanciato il presidente ucraino. “Sono convinto che il dittatore perderà”ha aggiunto, alludendo al presidente russo e al film di Charlie Chaplin.

Articolo precedenteL’Europa affronta le sue carenze strategiche
Articolo successivoCMA CGM prenderà una partecipazione in Air France-KLM