La Russia viene giudicata lunedì 28 febbraio dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel corso di a “sessione straordinaria d’urgenza” dei suoi 193 membri chiamati a posizionarsi a favore della democrazia e della sovranità dell’Ucraina o dell’invasione bellicosa decisa da Vladimir Putin.

→ SEGUITE LA NOSTRA DIRETTA. Guerra in Ucraina: in programma colloqui in Bielorussia, rallenta l’avanzata russa

Questo incontro inizierà alle 16:00 in Francia con gli interventi del Presidente dell’Assemblea Abdulla Shahid e del Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Al termine degli interventi è prevista la votazione di una risoluzione, che dovrebbe proseguire martedì per il numero molto elevato di interventi previsti.

Richiesta l’immediata cessazione dei combattimenti

Intitolato “L’aggressione armata non provocata della Russia contro l’Ucraina”la bozza iniziale di questa risoluzione pilotata dagli europei in coordinamento con Kiev, “condanna con la massima fermezza l’aggressione della Russia contro l’Ucraina”. Respinto venerdì dal Consiglio di sicurezza a seguito del veto della Russia, chiede il ritiro immediato delle truppe russe dall’Ucraina e la fine dei combattimenti. I suoi autori sperano di superare i cento voti a favore di questo testo, mentre in Assemblea Generale non c’è diritto di veto.

Vedi anche:  Vladimir Putin è malato? “Dobbiamo diffidare delle analisi psicopatologiche”

→ ANALISI. Di fronte alla Russia, la Francia è coinvolta militarmente all’interno della NATO

Al Consiglio di sicurezza, l’Africa e l’America Latina hanno unito le forze con gli Stati Uniti e l’Europa per denunciare l’invasione russa. Nell’Assemblea Generale, i soliti sostenitori di Mosca – Siria, Cuba, Cina, India… – dovrebbero sostenere la sua politica o astenersi quando si tratta di votare.

” Difesa personale “

Dall’inizio della sua invasione, la Russia ha supplicato ” difesa personale “ previsto dall’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite. Dopo aver schierato decine di migliaia di soldati in Ucraina e dintorni, equipaggiati con carri armati, aerei da combattimento e navi, Vladimir Putin domenica ha implicitamente evocato la minaccia di usare armi nucleari per piegare l’Ucraina. Dall’America all’Europa, questa dichiarazione ha provocato una protesta, Washington ha chiamato questa minaccia a “completamente inaccettabile”.

→ SPIEGAZIONE. Offensiva russa, si allontana lo scenario di una guerra lampo

Vedi anche:  In Giordania, il Parlamento giordano cristallizza le tensioni politiche e sociali

L’argomento dell’autodifesa russa è stato fermamente respinto sia dagli occidentali che dalle Nazioni Unite, che accusano Mosca di aver violato l’articolo 2 della Carta delle Nazioni Unite. Ciò richiede ai suoi membri di astenersi da tutto “uso della minaccia o uso della forza” contro “l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato” e risolvere le controversie internazionali “con mezzi pacifici”.

I membri dell’Organizzazione si astengono, nelle loro relazioni internazionali, dal ricorrere alla minaccia o all’uso della forza, sia contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato, sia in qualsiasi altro modo incompatibile con gli scopi delle Nazioni Unite.

Mosca ha anche assicurato di prendere di mira solo obiettivi militari, un’affermazione respinta dall’Occidente e dall’ONU che ha contato vittime civili e attacchi alle infrastrutture civili che potrebbero equivalere a crimini di guerra. L’Ucraina ha riferito che circa 200 civili sono stati uccisi e dozzine di militari uccisi in azione, ma domenica non ha rilasciato un bilancio esatto.

Articolo precedenteI russi osano opporsi al Cremlino e alla sua guerra in Ucraina
Articolo successivoGuerra in Ucraina, Institut Montaigne, inondazioni in Australia: le 3 notizie della notte