Si prega di notare che la scadenza si avvicina. Per gli Aindinois, l’Aveyronais o i Corrézien, è giunto il momento di dichiarare il proprio reddito. Infatti, gli abitanti dei dipartimenti numerati da 1 a 19 (da Ain a Corrèze) devono compilare la propria dichiarazione online entro martedì 24 giugno alle ore 23:59. Questo vale anche per i contribuenti non residenti in Francia,

→ ARCHIVIO. Tasse 2022: date importanti per dichiarare il proprio reddito

Come ogni anno, Bercy ha fissato diverse scadenze a seconda dei dipartimenti. Un modo per evitare una trombosi del sito web a causa di un afflusso di connessioni con l’avvicinarsi della scadenza. I contribuenti dei dipartimenti non interessati da questo primo passaggio beneficiano quindi di un piccolo periodo aggiuntivo. Per loro, l’ascia cadrà alla fine di maggio o all’inizio di giugno.

Vedi anche:  Handicap, un barometro per misurare l'impegno delle aziende

Prossime scadenze, 31 maggio e 8 giugno

Per i dipartimenti il ​​cui numero va da 20 (Corsica) a 54 (Meurthe-et-Moselle), la scadenza è fissata per la sera del 31 maggio. Lo stesso termine vale per i contribuenti che utilizzano ancora la dichiarazione cartacea. Inizialmente, quest’ultimo ha dovuto espletare le formalità entro il 18 maggio, ma i ritardi nell’invio dei moduli hanno portato Bercy a modificare il programma.

La campagna dichiarativa 2022 si concluderà poi la sera dell’8 giugno con i reparti che vanno dal 55 (Mosa) al 976 (Mayotte).

I contribuenti che non rispettano i termini per la dichiarazione dei redditi sono soggetti ad un aumento del 10% dell’imposta dovuta. Le sanzioni possono però diventare più pesanti per i recalcitranti, se aspettano che il fisco gli ricordi i propri obblighi.

Vedi anche:  L'euro digitale, un progetto economico e geopolitico Abbonati

L’aumento sale al 20% per i contribuenti che rispondono entro 30 giorni dalla diffida. Può arrivare anche al 40% quando la dichiarazione non è stata inviata nel mese successivo al rilancio dell’amministrazione.

Articolo precedenteAvrebbe dovuto succedere a Boris Johnson… Rishi Sunak, il becchino dei conservatori britannici
Articolo successivopersone con disabilità, vittime invisibili di una guerra dimenticata