Per la pizzeria all’angolo, la vendita di una casa vicina o le promozioni dell’ipermercato, le cassette postali sono traboccanti di pubblicità. In media, secondo l’Agenzia per la transizione ecologica, ogni famiglia riceve 30 kg all’anno! Volantini con una durata molto breve. È per contrastare questi sprechi che la legge sul clima ha introdotto, nell’agosto 2021, un esperimento volto a vietare la distribuzione di annunci non indirizzati, salvo espressa autorizzazione dell’abitante.

→ SPIEGAZIONE. Annunci nella casella di posta, cosa cambierà con “Sì annuncio”

Quindici comunità di volontari (1) testeranno questo sistema chiamato “Oui pub” per tre anni. Il 30 aprile è stata avviata una fase informativa con residenti, inserzionisti e distributori dei territori interessati. Ogni residente riceverà un adesivo “Sì pub”, che potrà apporre sulla cassetta delle lettere se desidera ricevere dei volantini. In assenza del badge, non potrà essergli distribuita pubblicità. Divieto che entrerà in vigore nelle quindici comunità il 1 settembre 2022.

Vedi anche:  “È in gioco il nostro modello di società”

Da “Stop pubblicità” a “Sì pubblicità”

Il capovolgimento delle abitudini si completa con il passaggio da “Stop pubs” – adottato da un terzo dei 30 milioni di famiglie francesi – a “Yes pubs”. Secondo uno studio OpinionWay per Bonial, il 59% dei francesi consulta i cataloghi pubblicitari cartacei ogni settimana. E il 57% afferma che applicherebbe l’adesivo “Annuncio Sì” se la propria città adottasse il dispositivo. Infine, sebbene i consumatori rimangano attaccati alla carta, il 71% di loro afferma di essere pronto a passare al digitale, qualcosa per rassicurare i rivenditori.

Alcuni di loro hanno anche anticipato la trasformazione degli usi. Monoprix e Ikea non distribuiscono cataloghi da diversi anni. Carrefour ha terminato le sue spedizioni a Parigi e Lione a gennaio. “Questa misura rappresenta un potenziale risparmio di quasi 1.000 tonnellate di carta all’anno. Il 40% delle copie distribuite, infatti, viene buttato via non aperto”, giustifica il distributore, che ora ne assicura la promozione attraverso “lettere digitali inviate tramite posta elettronica e corriere, ovvero l’invio da parte di La Poste del catalogo cartaceo ai clienti che ne fanno richiesta”.

Il dispositivo “Yes pub” non è stato lanciato senza scalpore: le aziende del settore della distribuzione diretta temono per il proprio lavoro. Prima di una possibile generalizzazione, sarà oggetto di una valutazione, sia ecologica che economica.

Vedi anche:  gli azionisti votano contro la retribuzione dei dirigenti

(1) Dieci comuni e agglomerati urbani: Agen, Bordeaux, Nancy, Sartrouville, Troyes Champagne Métropole, Grand Nancy Métropole, Grenoble Alpes Métropole, Ramonville Saint-Agne, comunità urbana Dunkerque Grand Littoral, Vallée de l’Ubaye Serre-Ponçon. E cinque associazioni intercomunali per il trattamento dei rifiuti: Pays de Fougères, Libournais Haute-Gironde, Ardèche Drôme, Basse Ardèche, Corse.

Articolo precedenteMosca prende il controllo degli asset Renault in Russia
Articolo successivonel Donbass, l’esercito russo bombarda non riuscendo a progredire