lunedì, Settembre 26, 2022
Home Mondo Stati Uniti: questi candidati repubblicani che cambiano idea sull’aborto prima del midterm

Stati Uniti: questi candidati repubblicani che cambiano idea sull’aborto prima del midterm

21
0

Il 24 giugno la sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha invalidato la garanzia federale del diritto all’aborto avrebbe dovuto rappresentare una grande vittoria per il Partito Repubblicano. Ma ora che nulla impedisce agli stati conservatori di limitare il diritto all’aborto, i funzionari eletti locali hanno dovuto rispondere a domande difficili: l’aborto dovrebbe essere bandito per sei settimane? Dovrebbe essere autorizzato in caso di stupro o grave malformazione del feto? Nei quindici stati dove sono già in vigore restrizioni draconiane, i repubblicani eletti devono ora difendere le leggi che costringono le donne a lasciare il loro stato per abortire in caso di stupro o gravidanze difficili.

Vedi anche:  La Repubblica Ceca assume la presidenza dell'Ue: cosa aspettarsi?

LEGGI ANCHE: Aborto negli Stati Uniti: tre sfumature del divieto secondo gli States

Articolo precedenteLegislativa in Italia: sospeso un candidato del partito di Giorgia Meloni per un elogio di Hitler
Articolo successivo“La transizione energetica proietta un passato che non esiste su un futuro che resta spettrale”