Piscine coperte e scoperte, eliporto, 156 metri di lunghezza… È un pesce grosso – del valore di 600 milioni di dollari – che la Germania ha appena pescato nel porto di Amburgo. il Dilbarsuperyacht dell’oligarca russo Alicher Ousmanov, è stato ufficialmente sequestrato dalle autorità tedesche venerdì 15 aprile, nel quadro delle sanzioni contro la Russia.

→ ANALISI. Guerra in Ucraina: alla ricerca delle risorse russe

All’inizio della settimana, i Paesi Bassi hanno immobilizzato una ventina di barche di lusso, alcune ancora in costruzione. Dall’inizio della guerra in Ucraina, i paesi europei hanno intensificato questa caccia ai palazzi galleggianti, l’epitome del lusso, apprezzato dagli oligarchi russi. “È il mega-oggetto, indispensabile per gli ultraricchi, il massimo simbolo di ricchezza”, spiega Grégory Salle, ricercatore del CNRS e autore di Superyacht. Lusso, calma ed ecocidio (1). Un oggetto riservato a un pugno di multimilionari: solo lo 0,003% degli abitanti del pianeta potrebbe permettersi un simile tesoro.

Vendite in crescita

Questo commercio ultra-esclusivo, su cui puntano i riflettori le sanzioni economiche contro gli oligarchi, non è mai stato migliore. Il 2021 è stato l’anno migliore da dodici anni, registrando un aumento dell’8% delle vendite di navi oltre i 30 metri – categoria superyacht – rispetto al 2019. Per il momento né l’aumento del costo delle materie prime né il ritiro dei russi gli acquirenti sembrano interrompere questo buon slancio.

Vedi anche:  Regno Unito: Boris Johnson indebolito da una nuova foto compromettente

Il media specializzato britannico Superyachts Times osserva una certa stabilità negli acquisti a inizio 2022, “sebbene inferiore a 4e trimestre 2021 ». “I problemi con i clienti russi avranno probabilmente un effetto negativo, ma la domanda negli Stati Uniti è ancora molto forte”, dice Ralph Dazert, del sito web del Superyachts Times, a La Croce. Gli Stati Uniti rappresentano il 23% degli acquisti di superyacht, rispetto al 9% della Russia. Per quanto riguarda i costruttori, l’Italia è al primo posto: primo esportatore mondiale, il Paese produce oltre il 45% dei superyacht.

Mentre l’economia globale sta cercando in qualche modo di mantenersi nonostante la pandemia e la guerra in Europa, i clienti non stanno perdendo il gusto per questi giocattoli di lusso. Anzi. “Con i confinamenti, lo yacht sembrava essere un modo di stare tra se stessi, al di fuori di ogni norma”, sottolinea Michel Desse, professore all’Istituto di Geografia e Pianificazione Regionale dell’Università di Nantes. Stessa osservazione con Grégory Salle che, già prima della pandemia, designava l’acquisizione di un tale oggetto come a “forma contemporanea di reclusione ostentata”.

Sempre più grande, sempre più costoso

I superyacht stanno diventando sempre più numerosi. Nel 2021, più di 200 navigarono per la prima volta, rispetto a “solo” 165 nel 2019. Inoltre, tendono ad essere sempre più grandi. Chi ha il più grande? Attualmente lo sceicco Khalifa Ben Zayed Al Nahyan, Presidente degli Emirati Arabi Uniti, detiene il premio: il suo Azzam è lungo 180 metri e può navigare a una velocità di 30 nodi, risultando anche il più veloce.

Vedi anche:  una serie di misure per alleviare le aziende agricole colpite

E il più costoso? In questa categoria la medaglia va all’oligarca russo Roman Abramovich. L’Eclisselunga 163 metri, due piste di atterraggio per elicotteri, un cinema e un ristorante, secondo la rivista sarebbero stimati in 1,5 miliardi di dollari Notizie sui superyacht. Presente nella lista nera dell’UE, l’ex titolare del Chelsea football club è stato in prima linea nell’impedire la confisca del suo gioiello nautico: solitamente ormeggiato a Saint-Martin nelle Indie occidentali, è stato rimpatriato sulle coste turche, la Turchia non ha applicato le sanzioni deciso dall’Europa.

→ RITRATTO. Chi è Roman Abramovich, il più famoso oligarca russo?

Per Grégory Salle, la confisca di queste barche, nell’ambito delle sanzioni contro la Russia, ha un forte significato simbolico: “Si tratta di immobilizzare qualcosa di mobile. È più forte che requisire una villa,” fa notare.

Articolo precedenteIn Russia, le sanzioni accrescono la popolarità di Putin
Articolo successivoTwitter adotta un piano per contrastare l’offerta pubblica di acquisto di Elon Musk