Gli Stati Uniti sono pronti “muovi cielo e terra” di vincere l’Ucraina contro la Russia, ha affermato martedì 26 aprile il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin, in apertura di un incontro con rappresentanti di una quarantina di paesi, membri e non membri della ‘NATO, presso la base aerea statunitense di Ramstein, in Germania .

In un intervento a porte chiuse, alla presenza del ministro della Difesa ucraino Oleksiï Reznikov, il generale statunitense Mark Milley, capi di stato maggiore congiunti, ha poi offerto una valutazione piuttosto cupa della nuova fase della guerra. “Il tempo non è per conto dell’Ucraina, ha stimato. L’esito di questa battaglia, proprio qui oggi, dipende dalle persone in questa stanza. Le prossime due, tre, quattro settimane daranno forma al risultato complessivo di questa lotta. »

Presenti Israele e Qatar

Lo scopo dell’incontro, secondo il portavoce del Pentagono John Kirby, era quello di condividere a “comprensione” Le esigenze di sicurezza a breve termine dell’Ucraina e la capacità delle basi industriali della difesa nazionale degli alleati di soddisfarle. All’incontro hanno preso parte paesi come Israele e Qatar, anche se non sono nella lista ufficiale. L’inclusione di paesi non NATO, come Kenya, Tunisia e Giappone, faceva parte di uno sforzo per estendere il sostegno sostanziale e simbolico all’Ucraina oltre l’Europa e gli Stati Uniti.Alleanza atlantica.

Vedi anche:  Egitto: un giornalista indagato dopo aver messo in dubbio un miracolo di Maometto

→ RILEGGI. In Germania, gli occidentali coordinano gli aiuti militari a Kiev

Dopo essere inizialmente riluttanti a fornire armi pesanti all’Ucraina, gli Stati Uniti, come Gran Bretagna, Francia, Repubblica Ceca e Polonia, hanno fatto il grande passo. Da parte sua, il ministro federale della Difesa tedesco, Christine Lambrecht, presente a Ramstein, ha confermato la decisione del governo tedesco di consegnare carri armati contraerei del tipo Guepard. Il produttore di armi Krauss-Maffei Wegmann ha affermato di avere circa 50 di questi veicoli pronti per il dispiegamento e forniti direttamente all’Ucraina. L’esercito tedesco non li usa più, ma il modello è utilizzato in Brasile, Giordania, Qatar e Romania.

Vedi anche:  Avrebbe dovuto succedere a Boris Johnson... Rishi Sunak, il becchino dei conservatori britannici

Il capovolgimento tedesco segue le critiche rivolte al cancelliere Olaf Scholz, implicato per il suo rifiuto di consegnare armi pesanti rivendicate dall’Ucraina. All’interno della coalizione di governo, Verdi e Partito Liberale lo hanno sollecitato ad autorizzare la consegna di veicoli blindati e sistemi d’arma, anche nell’ambito di scambi circolari che coinvolgono altri paesi europei.

Articolo precedentela condanna di Osman Kavala suscita indignazione internazionale
Articolo successivoall’estero, i leader sono “eletti meglio” di Emmanuel Macron?